Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il giorno in cui il Barça…ha detto no a Mbappè: “Qualcuno sosteneva che fosse un bluff…”

(Photo by Matt Childs/Pool via Getty Images)

Junior Minguella, il figlio di Josep, l'uomo che ha portato a Barcellona gente come Maradona e Messi, ha raccontato che al momento dell'addio di Neymar i blaugrana si sono trovati di fronte a una scelta: Mbappè o Dembelé? E non è andata...

Redazione Il Posticipo

Gli sbagli sul mercato sono all'ordine del giorno, ma alcuni errori i club li pagano più di altri. Tra le pagine fatte di rimpianti per un affare valutato male spunta quella raccontata da Junior Minguella. Il figlio di Josep Maria, l'uomo che ha portato a Barcellona gente come Maradona e Messi, ha parlato a CadenaCOPE e ha raccontato che al momento dell'addio di Neymar i blaugrana si sono trovati di fronte a una scelta: Mbappè o Dembelé? Alla fine, il club ha acquistato l'attaccante del Borussia Dortmund. E visti i risultati dell'uno e dell'altro, forse ora si mangia le mani...

NEYMAR - Junior Minguella racconta la storia dall'inizio. E si parte dalla clamorosa fuga di Neymar verso Parigi, che apre nuovi scenari per il Barcellona. "Lo posso confermare. Anzi, ora più che mai, perchè già qualche altro dirigente l'ha confermato e ha dato la sua versione della storia, che è assolutamente vera. Mio padre ci ha raccontato la situazione, lui sapeva che Neymar aveva un accordo con il PSG e che se ne sarebbe andato. I dirigenti del Barcellona o non lo sapevano o non ci credevano. Eravamo in quel momento in cui con il brasiliano si parlava di un bonus contrattuale, in cui lui non aveva confermato che se ne sarebbe andato e il club non voleva fare un passo indietro". Alla fine, dopo uno scontro che poi finirà in tribunale, O Ney attiva la clausola e se ne va al PSG.

MBAPPÈ - E al Barcellona c'è necessità di sostituirlo..."Nel momento in cui arriva la conferma dell'addio di Neymar, lo staff tecnico e il presidente cominciano a chiedersi chi acquistare al suo posto. E alla fine hanno ritenuto che per il tipo di gioco della squadra sarebbe stato meglio Dembélé rispetto a Mbappé. C'è stato addirittura qualcuno che è arrivato a dire che Mbappè era un bluff, dicevano 'sì, ma con chi si è confrontato questo ragazzo?'. Ma avevano un accordo già pronto da 130 milioni più 25 di bonus. E Mbappè avrebbe guadagnato tra i 10 e i 16 milioni di euro netti a stagione". Non esattamente una scelta che ha pagato, sia alla luce dell'esplosione del numero 7 del PSG che vedendo le statistiche di Dembelé al Camp Nou...