Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Ghana vuole portare Inaki Williams al mondiale ma il calciatore declina l’offerta

BILBAO, SPAIN - NOVEMBER 23: Inaki Williams of Athletic Bilbao reacts during the La Liga Santander match between Athletic Club and Real Betis at Estadio de San Mames on November 23, 2020 in Bilbao, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images)

No a Qatar 2022. Il calciatore non accetterà la proposta della federazione calcistica del paese africano.

Redazione Il Posticipo

Il Ghana torna all'attacco per Inaki Williams. Scelta comprensibile considerando il rendimento del calciatore dell'Athletic Bilbao nato e cresciuto nei paesi baschi da madre liberiana e padre ghanese, potrebbe giocare i prossimi mondiali vestendo la maglia della nazionale africana. Tuttavia, come riportato da AS, il diretto interessato sembra voler declinare l'offerta.

RADICI - L'esterno è nato a Bilbao ma ha conservato il doppio passaporto. Ha giocato tutta la sua carriera vestendo la maglia dell'Athletic e completando tutta la trafila nella nazionale spagnola esordendo anche nel 2016 con la Spagna giocando 30 minuti contro la Bosnia in una partita amichevole (quindi considerata di carattere non ufficiale) che si è chiusa 3-1. esordendo in prima squadra. Secondo la stampa locale, il presidente della Federazione ghanese, Kurt Edwin Simeon-Okraku, avrebbe parlato con Iñaki Williams e la sua famiglia per valutare la possibilità che l'attaccante basco giochi con il Ghana nel prossimo Mondiale in Qatar ma l'attaccante e il suo entourage non ritengono di accettare la proposta della nazionale. Il motivo? Si sente basco.

BILBAO, SPAIN - NOVEMBER 23: Inaki Williams of Athletic Bilbao reacts during the La Liga Santander match between Athletic Club and Real Betis at Estadio de San Mames on November 23, 2020 in Bilbao, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images)

 

NO - Non è la prima volta che le "Black Stars" tentano di convincere il giocatore ma tutto lascia credere che la risposta sia sempre la stessa. Ovvero un "no grazie". Eppure a livello di regolamento non vi sarebbe alcun tipo di problema perché negli ultimi anni la FIFA ha cambiato e reso molto più elastiche le regole per chi è in possesso di doppio passaporto.  Ad oggi, è permesso a un giocatore che prima dei 21 anni non abbia aggiunto più di tre presenze con la nazionale maggiore di cambiare rappresentativa se il suo passaporto lo consente.  Ma anche chi ha superato questa età, se non ha mai giocato una partita non amichevole con la nazionale può cambiare. Questo sarebbe il caso diWilliams potrebbe optare, anche se non ha ancora preso in considerazione l'idea.