Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il fratello di Aguero attacca Guardiola e poi cancella: “Non ha mai voluto Sergio al City da quando è lì”

 (Photo by Alex Livesey/Getty Images)

Un’altra Premier League vinta, lacrime, un murales enorme e un addio dopo dieci anni d’amore, anche se nell’ultima partita è arrivata la delusione più cocente: la sconfitta nella finale di Champions League. Le ultime settimane...

Redazione Il Posticipo

Un'altra Premier League vinta, lacrime, un murales enorme e un addio dopo dieci anni d'amore, anche se nell'ultima partita è arrivata la delusione più cocente: la sconfitta nella finale di Champions League. Le ultime settimane del Kun Aguero al Manchester City sono state perlomeno particolari. Il contratto dell'argentino scade il 30 giugno e il suo futuro è colorato di blaugrana, come ha confermato addirittura Guardiola. Il centravanti, che ormai non era più centrale nei piani di Pep, è riuscito a entrare in campo nel match contro il Chelsea, ma da quanto spiegano dall'Inghilterra la situazione tra il calciatore e il tecnico era ormai molto più fredda di quanto lascino pensare tutti gli onori che gli hanno riservato in questi giorni...

ATTACCO - E a confermarlo arriva anche il fratello del Kun, che con un tweet, pubblicato e poi cancellato, crea parecchie polemiche nei confronti dell'allenatore dei Citizens. "Guardiola non ha mai voluto mio fratello da quando è arrivato al City". Queste le parole di Mauricio, come riporta il DailyMail. Una frase che è durata poco nella sua bacheca, perchè è stata subito cancellata. Il motivo? "Troppe persone tossiche", ha spiegato il fratello del Kun a chi gli chiedeva come mai il tweet fosse sparito. Ma questo non significa che ciò che era stato scritto fosse qualcosa da nascondere. E quando gli fanno notare che molti ormai hanno letto, Mauricio risponde "perfetto, sono contento e se mi va potrei scriverlo di nuovo".

 (Photo by Gareth Copley/Getty Images)

RESPONSABILE - Insomma, non esattamente il finale che ci si aspettava dalla storia del Kun al City. Ma del resto, anche prima della finalissima erano sorte parecchie polemiche. TheAthletic ha sottolineato come ad Aguero non sia piaciuto per nulla il modo in cui il City ha gestito l'ultimo anno del suo contratto. E nonostante la celebrazione guidata dallo stesso tecnico, l'argentino ritiene proprio Guardiola il responsabile del suo mancato rinnovo. La testata britannica spiega che una volta che a marzo sono finite tutte le trattative, i due hanno smesso di parlarsi per settimane e si sono addirittura accordati per far giocare al centravanti giusto il necessario, per evitare che eventuali problemi fisici potessero complicare il futuro del Kun al Barcellona. Insomma, divorzio consensuale...ma neanche troppo.