Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il dottor Tranquilli rasserena Zaniolo: “Un calciatore operato diviene quasi invulnerabile”

AMSTERDAM, NETHERLANDS - SEPTEMBER 07:  Nicolo Zaniolo of Italy reacts after injuring his leg during the UEFA Nations League group stage match between Netherlands and Italy at Johan Cruijff Arena on September 7, 2020 in Amsterdam, Netherlands.  (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Le parole dell'ex medico della nazionale Under 21 sono confortanti per il futuro del ragazzo.

Redazione Il Posticipo

Carlo Tranquilli, specialista in medicina dello sport, nonché ex medico della nazionale Under 21, analizza, parlando con l'ANSA, il secondo infortunio al crociato del romanista Nicolò Zaniolo. E le sue parole sono confortanti per il futuro di un ragazzo ultimamente parecchio sfortunato.

CASO - Il professore spiega che il fattore casualità ha un peso specifico importante. "C'è un numero considerevole di calciatori che sono già stati operati e poi sono incappati in un altro infortunio. I tempi di recupero, però, non c'entrano, perché i protocolli ormai sono standardizzati. L'unica spiegazione è legata al caso: chi ha subito un trauma una prima volta, può subirlo anche una seconda volta. Non credo ci sia una correlazione diretta con l'intervento chirurgico, anzi ritengo che l'intervento stabilizzi bene il ginocchio, irrobustendolo e preservandolo".

INVULNERABILE - Tranquilli spiega anche perché Zaniolo, paradossalmente, potrebbe uscire anche più forte dopo questo infortunio. "L'atleta operato spesso è più forte di quello non operato.  Diventa quasi invulnerabile. Se dovessi scegliere fra un calciatore che è già stato operato al legamento del ginocchio e un altro, sceglierei il primo. Mediamente il primo è più preparato del secondo. Questo tipo di infortuni sono frutto del caso. Non c'entrano i tempi di recupero o la preparazione".

RECUPERO -  Anche i tempi di recupero seguiranno un rigido protocollo. "I tempi di rimessa in campo sono standardizzati: mediamente un calciatore, dopo un intervento di ricostruzione del crociato, torna in campo dopo 100 giorni per il lavoro di recupero funzionale e, nei mesi successivi, lavora per riprendersi dal punto di vista della velocità, della forza e della coordinazione. E fino a prova contraria, si tratta di infortuni frutto della casualità. I calciatori sono super-controllati e hanno le maggiori garanzie",