calcio

Il dolore di Tevez: “Questo è l’ultimo anno. Schelotto mi ha mancato di rispetto. E Zarate…”

L’Apache va all’assalto. Peccato però che la diligenza sia passata da un pezzo, perché Guillermo Barros Schelotto non è più il tecnico del Boca Juniors da qualche settimana. Eppure l’ex juventino parla dei suoi rapporti con...

Redazione Il Posticipo

L’Apache va all’assalto. Peccato però che la diligenza sia passata da un pezzo, perché Guillermo Barros Schelotto non è più il tecnico del Boca Juniors da qualche settimana. In pratica, da quando gli Xeneizes hanno perso una finale di Libertadores contro il peggior avversario possibile, i cugini del River Plate. Un dolore che, come ricorda Tevez, “ancora non passa” e che amplifica ancora di più i contrasti avuti nella passata stagione con l’ex allenatore del Boca. L’ex juventino, come sempre, non si fa pregare per dire la sua. E, come riporta il Clarin, ce ne è per tutti, compreso...l’ex laziale Zarate!

RISPETTO - Intanto, Tevez parte con un dato di fatto. “Se fosse rimasto Schelotto, sarei andato via io. Per il bene del club sono stato calmo, cercavo di aiutare i compagni, ma ho subito parecchie mancanze di rispetto. Ho sempre lottato per il mio posto in squadra, non ho fatto problemi. E per amore del Boca ho sopportato anche quando giocavo dieci o cinque minuti, una cosa che in un altro club non avrei mai tollerato”. Colpa dell’ex tecnico? Evidentemente sì. “Con Guillermo ci siamo sempre parlati e ci siamo detti le cose in faccia”. E quindi le macchinazioni del tecnico per “fare fuori” l’Apache erano fatte alla luce del sole...

ZARATE - Come quando il Boca acquista...Zarate. Una scelta che a Tevez non è decisamente andata giù... “Vedi che un giocatore è un idolo nel club e fai di tutto per sostituirlo... Prendi qualcuno che giochi al suo posto e alla prima partita mandi subito Tevez in panchina. Si capisce, è un segnale che qualcuno non ti vuole. E io so che Zarate è stato acquistato solamente per far fuori me”. Non che alla fine l’ex laziale abbia giocato molto, ma l’Apache ha comunque sofferto spesso la panchina. Ora Schelotto non c’è più e la volontà di Tevez è quella di rialzarsi e di rialzare il Boca dopo la sconfitta contro il River. Ma c’è poco tempo. Il 2019 è l’ultimo anno dell’argentino come calciatore... “Credo che quest’anno sarà l’ultimo. È l’ultimo del mio contratto, ma credo che lo sarà anche come calciatore”. La speranza è quella di cancellare quel dolore. Che anche dopo più di due mesi, ancora non passa.