Il curioso caso di Quique Setién: ha battuto fuori casa Real e Barça… ma è stato esonerato lo stesso!

Il curioso caso di Quique Setién: ha battuto fuori casa Real e Barça… ma è stato esonerato lo stesso!

Chi lo dice che battere le grandi di Spagna sia una garanzia di successo e longevità sulla propria panchina? Il Betis ha espugnato il Santiago Bernabeu 2-0, ma il post-partita è stato decisamente amaro per il tecnico spagnolo…

di Redazione Il Posticipo

Chi lo dice che battere le grandi di Spagna basti per essere certi di aver un futuro luminoso duraturo sulla panchina del proprio club? L’ultima giornata della Liga è stata dolcissima per i tifosi del Betis, con gli andalusi che hanno espugnato il Santiago Bernabeu grazie alle reti di Lorenzo Morin Garcia e Jesé nel secondo tempo. Una giornata di gloria che però si è rivelata un incubo per il tecnico Quique Setién… l’unico che sperava che la sua stagione non finisse così!

BERNABEU FATALE? – Come riportato da As, l’allenatore spagnolo del Betis è stato esonerato al fischio finale della sfida del Bernabeu e non sarà allenatore del club nella stagione 2019-20… nonostante abbia ancora un anno di contratto! La società ha deciso di liberarsi del tecnico nonostante la squadra quest’anno abbia raggiunto le semifinali di Coppa del Re e i sedicesimi di Europa League. Non è stato invece particolarmente apprezzato il decimo posto nella Liga a pari merito con l’Alaves, nonostante in campionato siano arrivate due vittorie molto prestigiose.

ANCHE AL CAMP NOU – I successi prestigiosi ottenuti dalla squadra non sono stati sufficienti per ottenere la conferma: lo scorso novembre infatti il Betis ha espugnato a sorpresa anche il Camp Nou, rifilando al Barcellona uno storico 4-3 vanificando la doppietta di Lionel Messi. Setién ha parlato nella conferenza stampa post-partita: “Ci sono molte cose positive, ma i nostri fan vogliono che la squadra vinca e quando non accade il posto dell’allenatore scricchiola. Bisogna capire l’idiosincrasia di questo club, di questa città e di questi tifosi“. L’allenatore ha fatto mea culpa: “Avrei dovuto fare qualcosa in più sotto questo aspetto”. Nel calcio di oggi nemmeno battere Real e Barcellona a casa loro è garanzia di un futuro assicurato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy