Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il cuore grande del River: porte aperte e pasti caldi al Monumental durante l’ondata di freddo in Argentina

Il River Plate decide che il Monumental non può essere solo un tempio del calcio. O almeno, non quando tutta Buenos Aires sta congelando. Il club ha aperto le porte del suo celeberrimo stadio per i senzatetto, vista l'ondata di freddo che ha...

Redazione Il Posticipo

Campioni del Sudamerica e...di solidarietà. Il River Plate decide che il Monumental non può essere solo un tempio del calcio. O almeno, non quando tutta Buenos Aires sta congelando. Il club, come riporta Infobae, ha aperto le porte del suo celeberrimo stadio per i senzatetto, vista l'ondata di freddo che ha colpito non solo la capitale argentina, ma tutto il paese, con cinque morti nelle strade. Una situazione a cui il River ha cercato di porre rimedio, spalancando quella che è casa sua.

PASTO CALDO - E quindi, porte aperte a più di cento persone che altrimenti avrebbero dovuto passare la notte in mezzo alla strada, rischiando seriamente di morire di freddo. Il club ha spalancato il Monumental e ha messo a disposizione degli ospiti anche un pasto caldo. Non sono mancate anche le donazioni da parte dei tifosi, che hanno spedito allo stadio del River beni di prima necessità, ma anche coperte e cappotti. "Quello del River è stato un gesto un gesto enorme", ha commentato alla Reuters un rappresentante di Red Solidaria, l'organizzazione con cui il club ha collaborato. "È una cosa semplicissima, ma allo stesso tempo incredibilmente importante".

MUSEO - Poteva mancare un momento...culturale? Ovviamente no, quindi si è anche deciso di permettere a chi ha dormito al Monumental anche di fare un giro al Museo River, che per l'occasione è stato aperto tutta la notte. Certo, magari qualche tifoso del Boca non avrà apprezzato l'ultima parte. Ma certamente, per chi avrebbe dovuto trascorrere la nottata in strada, persino vedere nelle bacheche degli odiati cugini la Libertadores conquistata nel Superclasico dello scorso dicembre, con in mano un piatto caldo e con addosso una coperta, sarà decisamente stato un momento stupendo.