Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il crepuscolo di Busquets, ultimo Campione del Mondo a lasciare la Spagna

Il crepuscolo di Busquets, ultimo Campione del Mondo a lasciare la Spagna - immagine 1
Anche il capitano della Spagna a un passo dall'addio

Redazione Il Posticipo

La parabola di Sergio Busquets. Ha raggiunto il gradino più alto del calcio con la Spagna e poi ha subito la terza eliminazione consecutiva da un torneo importante ai calci di rigore. Con ogni probabilità la sua esperienza in nazionale si chiude in Qatar dopo 143 presenze di cui 17 presenze in Coppa del Mondo. E ha finito nel modo peggiore. Oltre all'eliminazione ha dovuto prendere atto che il ciclo della Spagna è finito. Il suo calcio, superato.

CICLO

—  

Il centrocampista ha parlato ai microfoni di AS. “È sempre un disastro. Questa volta abbiamo ottenuto la croce. Abbiamo sbagliato i primi tre rigori, poi è molto difficile passare il turno". La realtà è nei numeri snocciolati oltre i Pirenei. Un elemento dopo l'altro, la più grande generazione spagnola è invecchiata. Il muro formato da  Puyol e Gerard Piqué, la costante superiorità del portiere "San Iker" Casillas e l'abbagliante coppia del centrocampo, Andrés Iniesta e Xavi Hernández si è sgretolato. Dei campioni d'Europa 201<2 rimangono solo Busquets a centrocampo difensivo e il terzino sinistro Jordi Alba. E neanche il "tiki-taka" uno stile emulato in tutto il mondo è sopravvissuto. La Spagna ama il pallone, ma gli avversari hanno capito come neutralizzare il possesso palla da corrida.

Il crepuscolo di Busquets, ultimo Campione del Mondo a lasciare la Spagna - immagine 1

MADRID, SPAIN - JUNE 04: Sergio Busquets of Spain runs with the ball during the international friendly match between Spain and Portugal at Wanda Metropolitano stadium on June 04, 2021 in Madrid, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

NUMERI

—  

Se le partite fossero decise dai passaggi o dal possesso palla, la Spagna sarebbe sulla strada per un altro titolo. Gli spagnoli hanno completato 988 di 1.063 passaggi a 238 di 331 per i marocchini. Avevano il 63% di possesso palla contro il 21% del Marocco. Al termine della sfida, comprensibilmente, il centrocampista che ha aperto e di fatto chiuso il ciclo mondiale della Spagna  ha parlato di notte difficile. "Ci riprenderemo e lo useremo come esperienza di apprendimento. Siamo in una buona dinamica, con i giovani. Questo li renderà più forti”. Parole che lasciano poco spazio se non all'addio.

___