Il commovente discorso di Sir Alex a CR7: “Ti guardo oggi e rivedo il ragazzo che…”

Il commovente discorso di Sir Alex a CR7: “Ti guardo oggi e rivedo il ragazzo che…”

Certo, vincere un riconoscimento fa sempre piacere, ma quando arriva il decimo in dieci anni, forse un po’ di noia subentra. E invece no, CR7 si è presentato sul palco per ricevere il premio come miglior giocatore portoghese dell’anno e…si sarà anche commosso un po’.

di Redazione Il Posticipo

Ci si abitua a tutto, ma non alle cose belle. Anche perchè altrimenti Cristiano Ronaldo forse non si sarebbe fatto neanche tutta la strada verso il  Carlos Lopes Pavilion di Lisbona, dove è stato assegnato il premio come miglior giocatore portoghese dell’anno. Certo, vincere un riconoscimento fa sempre piacere, ma quando arriva il decimo in dieci anni, forse un po’ di noia subentra. E invece no, CR7 si è presentato sul palco in forma smagliante, ha lanciato un messaggio alle giovani generazioni e…si sarà anche commosso un po’.

SIR ALEX – Tanto per non rendere la premiazione tale e quale alle precedenti nove, gli organizzatori hanno fatto un regalo speciale a Cristiano Ronaldo. Come riporta SportBible, assieme al premio è arrivato anche un videomessaggio di un ex allenatore del portoghese. E non uno qualsiasi, ma il maestro per eccellenza di CR7. Gli anni passano, ma come dimostrano le sue parole, l’affetto di Sir Alex Ferguson nei confronti del cinque volte Pallone d’Oro non accenna a diminuire. “Congratulazioni per un grandissimo risultato e per la bellissima serata che passerai in Portogallo. Mi dispiace non poter essere lì con te, ma ti guardo e rivedo in te il ragazzo di 17 anni che è venuto al Manchester United. E vedo come sei cresciuto, sia come essere umano e come uno sportivo incredibile”.

PREDILETTO – Tanti complimenti al calciatore, ma anche e soprattutto all’uomo. Ferguson, che ha condiviso lo spogliatoio con personalità importanti come Cantona, Keane e Giggs, non ha mai nascosto la sua predilezione assoluta per CR7. Un esempio da seguire sia in campo che fuori. “Voglio dire una cosa a te, a tua madre, a tutta la tua famiglia e ai tuoi figli: ben fatto. È stato un piacere per me averti conosciuto, aver lavorato con te e averti visto crescere e diventare il calciatore che sei. Quindi in bocca a lupo per tutti, divertiti e ancora congratulazioni”. Un abbraccio, seppur virtuale, che vale più di un premio.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy