Clasico, una data potrebbe essere il 18 dicembre, ma il Real non ha paura di giocare il 26 ottobre

Clasico, una data potrebbe essere il 18 dicembre, ma il Real non ha paura di giocare il 26 ottobre

Visto il clima in Catalogna, il Clasico potrebbe subire delle variazioni e le autorità stanno ponderando più soluzioni. Il Real, però, non vuole saperne di… giocare in casa. E ne ha paura di andare a Barcellona il prossimo 26 ottobre.

di Redazione Il Posticipo

Il Clasico non è mai una partita in cui la serenità regna sovrana: le due squadre non sono divise solo da una mera rivalità sportiva. Il Real rappresenta la corona spagnola. Il Barça lo spirito di rivalsa catalano che trova delle basi già nel XIV secolo, la voglia d’indipendenza dalla corona spagnola. E al momento, potrebbe non essere estremamente prudente gettare benzina sul fuoco con il Clasico a Barcellona. L’atmosfera, in Catalogna, è quanto mai rovente. E non è il caso di far coincidere il giorno della sfida più sentita con quello delle manifestazioni…

NON ABBIAMO PAURA – Tuttavia, secondo El Mundo Deportivo, i Blancos non ne vogliono sapere di sconvolgere il calendario. Vogliono essere a Barcellona il 26 ottobre. Il quotidiano sportivo riporta addirittura il virgolettato della frase ricorrente nello spogliatoio delle Merengues: “Non abbiamo paura di niente e di nessuno” ma la stessa fonte spiega che sebbene i giocatori non si siano intimoriti, la società si sta attrezzando con tutte le possibili contromisure. Pare che, viste le manifestazioni e le proteste in città, non solo l’autobus del Real Madrid non si recherà in Catalogna ma si sta cercando anche un’altra struttura alberghiera per pernottare.

SOLUZIONI ALTERNATIVE – Secondo Marca, però, il comitato della Competizione e lo stesso governo spagnolo starebbero cercando di spostare la partita al 18 dicembre. Le due squadre non vogliono invertire i turni d’andata e ritorno quindi da giocarsi in casa o in trasferta quindi la soluzione più logica sembra quella di spostare la partita di qualche mese nella speranza che il tutto si sia ristabilito. Poco prima di Natale, insomma, quando, si spera, l’ordine possa essere stabilito. Del resto, con un carico di 51 arresti e di oltre 100 feriti, Barcellona non sembra in grado di garantire un clima troppo ospitale…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy