Il Chelsea vale due miliardi, Abramovich pensa alla cessione?

Abramovich avrebbe contattato la banca statunitense Raine Group per ottenere una valutazione del club, ricevendo come risposta una cifra a parecchi zeri. Due miliardi di sterline, questo è quanto potrebbe chiedere il proprietario dei Blues a eventuali acquirenti. Sarà l’ora dell’addio?

di Redazione Il Posticipo

Solo chi non ha un’opinione non cambia mai opinione. Non è decisamente il caso di Roman Abramovich, che nel corso degli anni ha sempre dimostrato che a lui le opinioni non mancano mai. Di conseguenza, può anche cambiare idea, persino quando si tratta del Chelsea. Che forse non sarà il suo bene più prezioso, economicamente parlando, ma che certamente dopo quindici anni è ormai un pezzo di cuore per il magnate russo. Eppure, da quel che riporta l’edizione domenicale del Times, potrebbe essere arrivata l’ora di salutare Londra e i Blues. Con una gran bella buonuscita, perchè si parla di una cifra clamorosa: due miliardi di sterline.

CEDERE O NO IL CLUB? – E dire che un paio di mesi fa sembrava impossibile che il Chelsea potesse cambiare proprietario. A giugno si parlava di un’offerta da parte di Jim Ratcliffe, l’uomo più ricco del Regno Unito e abbonato a Stamford Bridge, che avrebbe tentato un approccio per capire se ci fossero le premesse per acquistare il club. Ricevendo però un secco no da parte di Abramovich, nonostante il russo fosse in un momento non proprio felicissimo della sua esperienza inglese, tra visto non concesso, tensioni Russia-Regno Unito e la decisione di non proseguire nel rimodernamento dello stadio. Ma da allora, qualcosa potrebbe essere cambiato.

VALUTAZIONE – Quel che riporta il Times è infatti che Abramovich avrebbe contattato la banca statunitense Raine Group per ottenere una valutazione del club, ricevendo come risposta una cifra a parecchi zeri. Due miliardi, questo è quello che potrebbe chiedere il proprietario a eventuali acquirenti. Quanto, tra l’altro, avrebbe offerto il cugino dello sceicco Mansour al Fenway Sports Group per l’acquisizione del Liverpool. Volontà di cedere, dunque? Non proprio. Fonti vicine ai Blues, contattate dal quotidiano britannico, non hanno confermato la notizia. Ma la richiesta di valutazione potrebbe comunque significare qualcosa, come ad esempio la ricerca di nuovi finanziatori per i Blues in modo da poter rilanciare la sfida alle nuove forze del calcio inglese, come il City. Rilancio o addio? Vedremo. Del resto, qualsiasi sia la decisione, per cambiare idea si è sempre in tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy