Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Chelsea fa perdere 2 milioni al Barça… eliminando l’Atletico dalla Champions League

(Photo by Fran Santiago/Getty Images)

I Blues, eliminando i Colchoneros, hanno fatto uno sgarbo anche ai Blaugrana: il bonus di due milioni relativo alla vendita di Luis Suarez va in fumo.

Redazione Il Posticipo

Il Chelsea sta vivendo una stagione al limite della schizofrenia. In campionato è a 15 punti dalla prima dopo una campagna acquisti da record. In Champions League è tra le prime 8 e l'avventura europea prosegue dopo aver eliminato l'Atletico Madrid di Simeone, capolista in Spagna. A nessuno che lotti per il vertice del calcio continentale sta simpaticissimo il Barcellona, anche se è stato già eliminato dalla Champions. Figurarsi ai Blues, che hanno ancora sul groppone la partita del 2009 in cui hanno rischiato di bloccare in semifinale la squadra di Guardiola. Ma ora è arrivata la rivincita. Gli inglesi, eliminando i Colchoneros, hanno fatto uno sgarbo anche ai blaugrana: il bonus di due milioni relativo alla vendita di Luis Suarez va in fumo.

BONUS - Suarez è passato all'Atletico Madrid in estate per una cifra, considerando il suo rendimento sul campo, davvero ridicola: 6,5 milioni. Il Barça ha cercato di trattare il più possibile e come spesso accade ha inserito delle clausole di bonus. Come riporta il Sun, se Suarez avesse aiutato il club madrileno a superare gli ottavi di finale di Champions League, il Barcellona si sarebbe visto corrispondere altri due milioni di euro. Tra il dire e il fare... c'è di mezzo il Chelsea, blu come il mare, che nei 180 minuti segna tre gol ai Colchoneros e quindi, in un certo senso, anche uno al Barcellona.

COME I BLUES MA... - Suarez e il Chelsea hanno qualcosa in comune, quindi ma... al contrario. Suarez va fortissimo in campionato. In Liga, solo Lionel Messi (uno a caso) ha fatto meglio dei suoi 18 gol (segnandone 21): in Champions League, invece, è a digiuno di gol in trasferta da addirittura cinque anni e mezzo. E per un giocatore di quel livello è quasi incredibile. Chissà, magari riuscirà a sbloccarsi nella prossima stagione sempre con la maglia dell'Atletico o, chissà, magari con altri colori addosso. Intanto Simeone si tiene stretto l'uruguaiano e cerca, con il suo aiuto, di conquistare il primo titolo dell'Atletico dal 2014.