Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Capello Real visto da un suo ex calciatore: “Ha sempre preferito gli uomini ai nomi. Lo criticavano, ma…”

Il Capello Real visto da un suo ex calciatore: “Ha sempre preferito gli uomini ai nomi. Lo criticavano, ma…”

Le due annate di Fabio Capello alla guida del Real Madrid fanno parte della storia del calcio spagnolo. Due stagioni in cui Don Fabio, in barba a un pubblico complicato come quello del Bernabeu e alle critiche che gli venivano rivolte, ha portato...

Redazione Il Posticipo

Le due annate di Fabio Capello alla guida del Real Madrid fanno parte della storia del calcio spagnolo e non solo. Due stagioni in cui Don Fabio, in barba a un pubblico complicato come quello del Bernabeu e alle tante critiche che gli sono state rivolte, ha portato a casa in entrambi i casi la Liga. Non che gli sia bastato, perchè il suo gioco, lontano dai canoni estetici della Casa Blanca, ha fatto sì che la dirigenza per ben due volte decidesse di non dargli continuità. Eppure l'albo d'oro è lì a dimostrare che Capello ha...il 100% di riuscita, quando si parla di campionato spagnolo. A raccontare il Don Fabio iberico arriva, al canale Youtube di Mister Underdog, Miguel Torres, che nella stagione 2006/07 ha spesso tolto il posto...a calciatori molto più blasonati di lui.

UOMINI - Per un ragazzo della cantera, che si ritrova catapultato tra i Galacticos, la vita non è semplice. Eppure, grazie all'apprezzamento del tecnico, all'esterno classe 1986 vengono date possibilità importanti. E di fronte alla fiducia di Don Fabio, le forze si moltiplicano. "La verità è che ad analizzarlo sembra quasi assurdo. Io giocavo laterale sinistro e lì c'era Roberto Carlos, che per me è stato un esempio nella mia carriera, era il miglior terzino sinistro del mondo. Però sono capitato in un momento in cui il Real Madrid aveva bisogno di un rinnovamento, c'erano molti infortunati e ho avuto la possibilità di giocare in prima squadra. Ho trovato un allenatore come Capello, uno che ai grandi nomi preferisce gli uomini e mi ha dato continuità".

FINALI - Quello per il Real è l'anno...de las remuntadas, perchè la squadra di Capello iniziava sempre male le partite, per poi ribaltare il risultato. Un qualcosa che ai palati fini del Bernabeu non piaceva molto. E neanche alla stampa, sempre spietata nei confronti di quei Blancos. "Per noi era complicato, era un modo nuovo di giocare, ma avevamo un allenatore che storicamente ha sempre preferito i risultati allo spettacolo in campo. Era riempito di critiche, c'era sempre qualcuno che gli diceva che doveva togliere questo o quel giocatore, ma poi abbiamo cominciato a vincere e ci siamo giocati il titolo contro il Barcellona partita dopo partita, come se ogni volta fosse una finale." E Don Fabio, si sa, le finali spesso e volentieri...le vince!