Il Cagliari chiude il caso Pavoletti: “Ricostruzioni fantasiose. Siamo addolorati”

Il Cagliari chiude il caso Pavoletti: “Ricostruzioni fantasiose. Siamo addolorati”

Non è un momento facile per il Cagliari: una spirale negativa di risultati e anche di episodi hanno allontanato i sardi dalla zona Europa. Intanto la società interviene per chiudere le voci intorno alla ricaduta di Pavoletti

di Redazione Il Posticipo

Pavoloso avrebbe fatto rima con favoloso. Invece Pavoletti si arrende a un nuovo infortunio. Non è un momento facile per il Cagliari: una spirale negativa di risultati e anche di episodi hanno allontanato i sardi dalla zona Europa ma nessuno nell’isola ha intenzione di mollare. Lo ha specificato il presidente Giulini dopo la sfida con il Genoa, lo rimarca la società intervenuta per chiudere le voci intorno alla ricaduta di Pavoletti. Il bomber rossoblu si era infortunato alla prima giornata di campionato ed era pronto a rientrare, prima di un nuovo infortunio su cui si sonio rincorse diverse ricostruzioni.

CHIARIMENTI – Il Cagliari ha voluto fare chiarezza sull’accaduto, precisando di non volere commentare le voci riguardanti le dinamiche che hanno portato all’infortunio del calciatore che, a pochi giorni dal rientro in squadra, deve accantonare l’idea di tornare a giocare sino al termine della stagione. La società sarda, con toni piuttosto fermi, ha voluto difendere la professionalità del proprio tesserato e ha posto fine alle polemiche.

COMUNICATO – Attraverso il profilo twitter della società, il Cagliari mette dunque la parola fine ai rumors: “Nelle ultime ore stiamo assistendo ad un florilegio di ricostruzioni fantasiose che non meritano di essere minimamente commentate. Noi siamo da un lato addolorati per quello che è accaduto a uno dei nostri calciatori e dall’altro concentrati sul lavoro in campo. Domenica ci aspetta un’altra battaglia. Da combattere insieme a questo splendido gruppo che non smette mai di inseguire il suo sogno”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy