il post

Il buono, il brutto e il cattivo del campionato

Stefano Impallomeni

 (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

"Esordio da incubo per Prandelli, che perde male contro il Benevento. È soltanto l'inizio, ma il viola stavolta è un colore sbiadito, di rabbia. Giglioappassito, siamo alla crisi anche se c'è ancora un mondo da vivere e giocare.

 (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

"Altri allenatori sulla graticola. Liverani, Maran e Giampaolo, mister rimonte subite. Sassuolo, Lazio e Inter. Potevano essere 9 punti, alla resa dei conti sono soltanto uno. Tre indizi fanno una prova. Toroseduto.

 (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

"Gasperini non ritrova più la sua Atalanta, una sola vittoria nelle ultime cinque giornate di campionato. Bergamaschi in frenata. Dea Penelope.

"Napoli secondo estratto (terzo, considerando l'Europa League) ed è ancora un 2. Dopo il Sassuolo, ora anche il Milan passa al San Paolo. È un lotto di belle speranze la squadra di Gattuso che si assume ogni responsabilità e colpe, ma l'analisi, seppur severa, è corretta. Quando arriva la partita importante, spesso è un flop. Il bello, alla fine, si rivela un orpello inutile: luccica, ma non irradia una forza vera. Atteggiamenti sbagliati, serve aiutarsi e lottare di più in una squadra che resta forte, ma troppo schiava dei ghirigori. Per ripetizioni e correzioni, citofonare a Ringhio.

Potresti esserti perso