Il brutto di essere primi: il Liverpool vince la Premier… e perde 20 milioni di euro

Il brutto di essere primi: il Liverpool vince la Premier… e perde 20 milioni di euro

Il lockdown ha generato un ribasso nei ricavi televisivi della Premier League. E di conseguenza il Liverpool, portando a casa il campionato, ha perso…più di tutti gli altri.

di Redazione Il Posticipo

Il 2020, e non c’è neanche più bisogno di spiegare il perché, è un anno surreale. Nell’era contemporanea non si era mai verificata la necessità di rintanarsi in casa per cercare di sfuggire a un nemico invisibile. E in secondo luogo, il lockdown non ha fermato solo i “comuni cittadini” ma tutti, calcio compreso. Questo ha generato, persino nella ricchissima Premier League, un ribasso nei ricavi televisivi e parecchie perdite dovute ai mancati introiti da botteghino e merchandising. E di conseguenza il Liverpool, portando a casa il campionato, ha perso…più di tutti gli altri.

PEGGIO PER I PRIMI – Andiamo con ordine. I ricavi dei club provenienti dai diritti TV vengono erogati alla fine del campionato. Così come i club, anche le televisioni hanno affrontato enormi perdite. Per questo, come riporta il Sun, tramite i vertici di lega, i club hanno subito una sorta di “multa”: devono praticamente restituire circa il 10,7% degli incassi dai diritti TV. In questo modo, però, paradossalmente, il Liverpool viene privato di circa 20 milioni di euro (17,3m £) guadagnati sulla base degli accordi stabiliti a inizio dello scorso campionato. I Reds, avrebbero portato a casa 161,1 milioni di sterline ma si trovano a doverne restituire 17,3 potendo così contare su 143,8.

ALTRI SQUILIBRI – L’incasso iniziale previsto era basato sulla posizione in classifica ma anche sull’effettivo bacino d’utenza televisiva. Così, vengono sottolineate delle apparenti ingiustizie. Ad esempio, l’Arsenal che ha terminato all’ottavo posto, finisce per guadagnare sette milioni (di sterline) in più del Wolverhampton, settimo. Questo accade perché la detrazione dovuta alla crisi viene calcolata con gli stessi criteri del premio iniziale: in percentuale ma con alcune variabili. E paradossalmente, in proporzione, l’Arsenal guadagna più del Tottenham di Mourinho che ha terminato al sesto posto. Non ditelo allo Special One, che è alla disperata ricerca di fondi per trovare un vice-Kane. Il quotidiano inglese, spiega che questa manovra dovrebbe essere ripetuta anche il prossimo anno. Chissà se ora i top club non faranno a pugni per arrivare secondi piuttosto che per vincere. Difficile che accada, ma nell’imprevedibile Premier…non si sa mai.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy