Il Borussia risponde ad Aubameyang: “Reazione incomprensibile e violenta”

Il Borussia risponde ad Aubameyang: “Reazione incomprensibile e violenta”

Visto lo scambio di opinioni degli ultimi giorni, difficile dire che il Borussia Dortmund e Pierre-Emerick Aubameyang si siano lasciati bene. E la polemica continua…

di Redazione Il Posticipo

Visto lo scambio di opinioni degli ultimi giorni, difficile dire che il Borussia Dortmund e Pierre-Emerick Aubameyang si siano lasciati bene. L’attaccante del Gabon, che ha forzato la mano per lasciare il club tedesco e accasarsi all’Arsenal, è stato il bersaglio di una dichiarazione abbastanza polemica da parte di Hans-Joachim Watzke, l’amministratore delegato dei gialloneri. Prima delle partite di coppa, il dirigente del Borussia aveva lanciato una frecciatina al suo ex giocatore: “sarà contento di vedere il suo conto in banca, ma noi giochiamo la Champions e lui la guarda in tv seduto sul divano”.

“HA ESAGERATO” – Una frase che ha causato la reazione del bomber dei Gunners, che attraverso il suo profilo Instagram ha senza mezzi termini definito Watzke “un pagliaccio”, aggiungendo che è meglio che il mondo non venga a sapere i retroscena del suo addio al Borussia Dortmund. Anche la risposta di Aubameyang però non poteva certo passare in cavalleria e, come riporta Goal, il club tedesco ha di nuovo gettato benzina sul fuoco. “Credo che Aubameyang abbia esagerato, sia nei toni che con le parole”, chiosa il direttore sportivo Michael Zorc. “In fondo Watzke non aveva detto niente di male e non voleva urtare la suscettibilità di nessuno”.

POLEMICA – E il resto delle dichiarazioni di Aubameyang, che ha anche citato la gestione del caso Dembele da parte del Borussia, non ha certo fatto piacere al club. “Vogliamo ricordare che nel periodo che ha passato qui, Aubameyang ha avuto tutto il supporto del club anche in momenti molto complicati. Anche per questo non capisco una reazione simile, così violenta ed esagerata. E non so di cosa voglia parlare, visto che conosco tutti i dettagli della questione e non abbiamo nulla di cui rimproverarci”. Ora la palla passa di nuovo all’attaccante, che dovrà decidere se lasciar cadere la polemica oppure continuare. Ma l’impressione è che la telenovela sia appena iniziata…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy