Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il biografo di Messi spiega la resistenza di Bartomeu: “Se perde Leo per meno del suo valore rischia la prigione…”

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Passare in cinque anni dall'essere il presidente del secondo Triplete all'uomo responsabile per la rottura tra il sei volte Pallone d'Oro e il Barcellona non è esattamente tra le priorità del presidente blaugrana. Ma c'è di più. E a spiegarlo...

Redazione Il Posticipo

Tenere Leo Messi. Una necessità, tanto per il Barcellona, quanto per Bartomeu. Il numero uno del club blaugrana è pronto a tutto, compresa una aspra battaglia legale, per impedire alla Pulce di liberarsi dal suo contratto con i catalani. Dal suo punto di vista, assai comprensibile. Passare in cinque anni dall'essere il presidente del secondo Triplete all'uomo responsabile per la rottura tra il sei volte Pallone d'Oro e il Barcellona non è esattamente tra le priorità del presidente. Ma c'è di più. E a spiegarlo è Guillem Balague, biografo della stessa Pulce e di Pep Guardiola, che ha rilasciato dichiarazioni sibilline al riguardo sul suo profilo Twitter.

PROBLEMI TECNICI - Secondo il giornalista catalano, Bartomeu ha altri ottimi motivi per cercare di trattenere l'argentino. Il primo è che ha convinto Koeman a prendere le redini del Barça anche...grazie alla presenza di Messi. "Ecco le ragioni per cui Bartomeu insiste affinchè Messi rimanga. Lo vuole l'allenatore. Quando Koeman ha chiesto a Bartomeu 'avrò Messi?', il presidente ha risposto di sì. Ma il giorno dopo Jorge Messi ha telefonato a Bartomeu dicendogli di nuovo che suo figlio vuole andarsene. Koeman ha comunque suggerito di essere in grado di creare una buona squadra anche se non ci fosse Messi. Un'altra ragione per non venderlo è che non vuole rinforzare le rivali". Ma le necessità tecnico contano...fino a un certo punto.

PRIGIONE - E infatti il problema è...personale per Bartomeu, secondo Balague: "Ma soprattutto, se dovesse perdere Messi per meno del suo valore, il prossimo presidente o l'assemblea degli azionisti possono accusarlo di cattiva gestione degli asset societari. Il che potrebbe significare un enorme pagamento, che dovrebbe fare di tasca sua, o addirittura la prigione! Ecco perchè Bartomeu deve combattere fino alla fine per evitare l'addio di Messi". Certo, magari il giornalista catalano esagera, ma sulla possibilità degli azionisti di citare in giudizio il presidente cita alla perfezione lo statuto del Barça. Ed ecco spiegata la necessità di Bartomeu di non arrendersi.