Il bel gesto di Thiago con il bambino-mascotte: niente freddo, arriva la tuta

Il bel gesto di Thiago con il bambino-mascotte: niente freddo, arriva la tuta

A Solna, dove si gioca Svezia-Spagna, non fa proprio caldissimo: ci sono circa 8 gradi. E quindi Thiago si toglie la parte superiore della tuta e copre il bambino-mascotte infreddolito.

di Redazione Il Posticipo

Il 15 ottobre è arrivato. E, poco sorprendentemente, in Svezia fa già un certo freschino. Che per i giocatori di Svezia-Spagna è sopportabile per via delle corse, degli scatti e del riscaldamento. Ma per il pubblico e gli altri addetti ai lavori (soprattutto spagnoli) è un po’ più dura. Figuriamoci quanto possano accusare i primi freddi di Solna i bambini-mascotte che entrano in campo con (e vestiti come) i giocatori. Thiago Alcantara ‘sfrutta’ la situazione per regalare un momento di tenerezza.

BRRR – Il centrocampista spagnolo con passaporto brasiliano del Bayern Monaco, mentre le squadre mantenevano le righe per gli inni nazionali, si toglie il pezzo di sopra della tuta con la quale era entrato in campo. Difficilmente si fa caso a queste cose nel momento esatto in cui accadono perché ci potrebbero essere centinaia di spiegazioni plausibili. Per vedere il vero motivo per cui lo fa, però, basta attendere qualche frazione di secondo e guardare… un po’ più in basso. Il bambino-mascotte affidatogli trema come una foglia.

SPARISCE TUTTO IL RESTO – Come riporta Marca, il centrocampista se ne accorge, si toglie la felpa e la mette sulle spalle al bambino di fronte a lui. E potrà sembrare banale, scontato e forse anche un po’ melenso da sottolineare ma, di tanto in tanto, fa bene al cuore anche vedere momenti come questo. Quando per un istante, dal calcio spariscono le polemiche, i milioni, i bilanci, le proteste e quant’altro e si torna a vedere quel lato umano, semplice e…sportivo. Con gli applausi del pubblico, reale e virtuale, per il calciatore del Bayern e delle Furie Rosse. E pazienza se la partita di Thiago termina dopo 66 minuti, con la Spagna sotto 1-0. Il gesto stavolta è valso più di un gol.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy