Il bel gesto del Chelsea: l’hotel di Stamford Bridge messo a disposizione degli operatori del servizio sanitario britannico

Il bel gesto del Chelsea: l’hotel di Stamford Bridge messo a disposizione degli operatori del servizio sanitario britannico

Presidenti, calciatori e società. In questo momento complicato per il mondo intero, il calcio sta decisamente facendo il suo per aiutare i diversi paesi a lottare contro l’epidemia di coronavirus. E il club di Abramovich ha fatto un’offerta che può essere molto utile in questo momento.

di Redazione Il Posticipo

Presidenti, calciatori e società. In questo momento complicato per il mondo intero, il calcio sta decisamente facendo il suo per aiutare i diversi paesi a lottare contro l’epidemia di coronavirus. I giocatori si sono dilettati in challenge social a scopi benefici, oltre che partecipare, più o meno anonimamente, a raccolte fondi e donazioni agli ospedali che sono in prima linea nella battaglia al Covid-19. I numeri uno dei club, poi, hanno versato somme ingenti. È il caso della famiglia Agnelli e di Berlusconi, che oltre a rappresentare Juventus e Monza sono anche alla guida dei maggiori colossi economici del Paese, che hanno donato 10 milioni ciascuno.

HOTEL – E i club stessi? Qualcuno sta cercando di fare il suo, come il Chelsea. Attraverso un comunicato ufficiale sul suo sito, la società londinese ha spiegato che metterà a disposizione il Millennium Hotel di Stamford Bridge agli operatori del servizio sanitario nazionale britannico. 231 stanze che permetteranno a chi combatte contro il coronavirus di non dover avere problemi che riguardano il ritorno a casa. Ai lunghi turni in ospedale e a viaggi a volte molto lunghi, infatti, si aggiunge anche la paura da parte di chi è a stretto contatto con i malati di essere contagiati e trasmettere il virus alle proprie famiglie.

COMUNICATO – Il comunicato del Chelsea lo spiega alla perfezione. “Molti dei lavoratori del servizio sanitario nazionale lavorano turni massacranti e potrebbero non essere in grado di tornare a casa, o devono fare lunghi viaggi. Un alloggio nelle vicinanze aiuta a mantenere la salute e il benessere di un personale così importante in questo momento critico. La misura sarà attuata per un periodo di due mesi e poi rivalutata a seconda delle circostanze future. Il numero delle stanze utilizzate dipenderà dalla richiesta, ma potenzialmente tutte le camere del Millennium Hotel possono essere utilizzate per questo scopo”. Un bel gesto da parte dei Blues, in un Regno Unito sempre più in preda al caos da coronavirus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy