Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Barcellona vara il salary cap: nessuno guadagnerà 10 milioni… neanche Lewandowski

Il Barcellona vara il salary cap: nessuno guadagnerà 10 milioni… neanche Lewandowski - immagine 1
La decisione è figlia di una dispersione di risorse economiche che ha lasciato in eredità una squadra senza titoli e un monte stipendi di 560 milioni di euro.

Redazione Il Posticipo

Il Barcellona vara il salary cap. Il tempo delle "vacche grasse", come riportato da AS, è definitivamente finito. Joan Laporta è determinato a porre fine definitivamente agli stipendi vertiginosi e stratosferici concessi da Josep Maria Bartomeu.

REVIEW - La decisione è figlia di una dispersione di risorse economiche che ha lasciato in eredità una squadra senza titoli e un monte stipendi di 560 milioni di euro. Cifra esorbitante che, unita a un saldo negativo di 144 milioni, costringe a un blocco del mercato di fatto se il club non troverà il modo di ricreare liquidità. Per porre fine a questa emorragia il club ha tracciato misure draconiane. In primis, è stata imposta una nuova tabella per tutti gli acquisti e i giocatori che rinnoveranno. C'è un limite di stipendio che non verrà mai superato: 10 milioni di euro netti. Dunque  elementi come Salah e Rüdiger sarebbero stati comunque impossibili da acquisire considerando che l'egiziano ha chiesto 17 milioni e il tedesco ne guadagnerà 1o. Robert Lewandowski, tanto per non fare nomi, è.... eleggibile perché ha accettato l'offerta di 9 milioni per un  triennale. L'attaccante polacco dovrebbe essere il giocatore più pagato della rosa secondo la scala attuale, ma purtroppo per gli interessi blaugrana non sarà così.

BUSTE PAGA - Occhio però a cosa potrebbe accadere nelle prossime settimane. Giocatori come Gerard Piqué, Sergio Busquets o Frenkie de Jong supereranno, e di gran lunga, l'asticella fissata dalla dirigenza. Si dovrà dunque trovare una soluzione per porre fine a questa situazione, con la richiesta di una nuova riduzione salariale per alcuni giocatori, in alcuni casi fino al 50%. La nuova tabella salari mira a ridurre di circa 160 milioni l'attuale monte stipendi sostenuto dal club. Tutti i giocatori ingaggiati dall'arrivo di Laporta, insieme a quelli che hanno rinnovato, hanno già accettato il nuovo piano economico. Resta da capire come risolvere con i "senatori" che fra l'altro, Piqué in primis, non garantiscono continuità di rendimento e presenze e, soprattutto. quale sarà il margine di manovra del club e le misure necessarie per raggiungere il tanto atteso "fair play" finanziario, che consentirà al club di iniziare a acquistare calciatori senza dover ricorrere all'utilizzo della calcolatrice.