Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Barça “scippa” Ramos al Boca Juniors e il presidente degli Xeneizes sbotta: “Non è possibile, troveremo i responsabili e li puniremo”

I grandi club hanno l'occhio lungo e sfruttano qualsiasi occasione per accaparrarsi giovani talenti. Normale dunque che il Boca Juniors sia abbastanza furioso: gli argentini stanno per vedersi sfilare Santiago Ramos dal Barcellona. E il...

Redazione Il Posticipo

Prima regola non scritta del mercato. Quando si ha sotto mano un giovane interessante, meglio fargli sottoscrivere un contratto bello lungo appena i regolamenti lo permettono. Certo, poi succede anche che si decida di andare comunque via a parametro zero, come spiega benissimo il caso Pogba. Ma insomma, le società devono cautelarsi, perchè i grandi club hanno l'occhio lungo e non esitano a sfruttare qualsiasi occasione per accaparrarsi giovani talenti. Normale dunque che il Boca Juniors sia abbastanza furioso: gli argentini stanno per vedersi sfilare Santiago Ramos, difensore classe 2001, dal Barcellona e il neo-presidente Jorge Amor Ameal si ritrova già tra le mani una bella gatta da pelare.

PAROLE FORTI - Il quotidiano spagnolo Sport ha spiegato che il centrale argentino, che ha già fatto qualche presenza con la prima squadra, potrebbe arrivare subito al Camp Nou. E che se questo non accadrà, per opposizione del Boca, il trasferimento è solo ritardato a giugno, visto che il ragazzo è in scadenza. Una situazione che ha fatto molto arrabbiare il numero uno della Bombonera, che non ha esitato a usare parole forti in un intervento a Radio La Red. "Non è possibile che si liberi tra sei mesi, andremo alla ricerca di chi è responsabile di questa situazione, dentro e fuori il club". Dunque il Barça, ma anche la dirigenza precedente a questo punto...

RESPONSABILI - Che non ha pensato di offrire un nuovo accordo a Ramos, lasciandolo così libero di andarsene a parametro zero. "Non è una cosa che si può trascurare, c'è qualcuno che non gli ha fatto un contratto". E l'impressione da parte del presidente è che tutto fosse già programmato da tempo. "Nessuno va in Spagna e parla con il Barcellona tanto per parlare. Capisco che ci sono di mezzo dei procuratori, noi saremo durissimi su questa questione. Metteremo su una commissione e puniremo i responsabili". Intanto però Ramos dovrebbe volare al Camp Nou, se non a gennaio certamente a giugno. Una gran perdita, comunque vada a finire l'inchiesta, per il Boca.