Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Barça saluta la Liga e Koeman si arrende: “Sono io il responsabile, capisco che mi si metta in discussione”

(Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Koeman si presenta alle telecamere abbastanza abbattuto dopo il fischio finale del match contro il Levante, che il suo Barça ha pareggiato dopo essere stato due volte in vantaggio. E la sua situazione per la prossima stagione è sempre più in...

Redazione Il Posticipo

Chi è causa del suo mal, pianga se stesso. E se a Barcellona questo adagio è valido, forse è ora di cominciare a capire di chi sono le responsabilità di un titolo che ormai sembra totalmente sfumato. Nella partita con il Levante, i blaugrana avevano un solo risultato per rimanere in lotta per vincere la Liga più incerta degli ultimi anni: la vittoria. La squadra di Koeman è partita bene, andando all'intervallo in vantaggio per 0-2, salvo poi farsi riprendere dai padroni di casa. Poi il sussulto di orgoglio con la rete di Dembelè, resa inutile dal 3-3 finale di Sergio Leon a una decina di minuti dalla fine. E con il pareggio, le possibilità di vincere il campionato sono ridotte al minimo.

RESPONSABILE - Di chi è la colpa, quindi? Koeman, come spiega Sport, si presenta alle telecamere abbastanza abbattuto dopo il fischio finale. Comprensibile, perchè la sua situazione per la prossima stagione (nonostante un biennale firmato la scorsa estate) è sempre più in bilico. "Come allenatore sono il massimo responsabile, non abbiamo avuto abbastanza intensità. Tutti noi dello staff siamo colpiti, lo 0-2 ci aveva dato parecchie speranze e alla fine sono fuggite tutte con questo pareggio". Dunque, l'olandese si prende le sue colpe. Ma al momento di analizzare i motivi del blackout nella ripresa, Koeman ha qualche difficoltà: "A volte le cose non si possono spiegare, so solo che nella ripresa non siamo stati intensi come nel primo tempo".

 (Photo by Dean Mouhtaropoulos/Getty Images)

FUTURO - E il futuro si fa sempre più grigio per il tecnico, che potrebbe trovarsi di fronte a una beffa clamorosa. Lo scorso anno Koeman ha lasciato la nazionale olandese (e la possibilità di guidarla agli Europei) per seguire il sogno Barcellona. E ora potrebbe ritrovarsi senza panchina e guardare comunque la manifestazione continentale da casa. Da quanto dice, Rambo ne è ben consapevole: "Capisco che mi si metta in discussione, succede a tutti gli allenatori". E infatti in Spagna non si fa altro che parlare del suo sostituto. Già, perchè in fondo come chiosa AS, Koeman sta rendendo la vita molto semplice al presidente Laporta. Se avesse vinto la Liga, sarebbe stato difficile mostrargli la porta. Ma se la sua squadra fa harakiri in questa maniera...