Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il 25 novembre: addio a George Best, Maradona e Fidel Castro

Il 25 novembre: addio a George Best, Maradona e Fidel Castro

Il 25 novembre verrà ricordato per sempre come un giorno buio per gli Dei del calcio. E c'è anche una triste coincidenza che chiama in causa lo stesso Diego...

Redazione Il Posticipo

Non si tratta di scaramanzia. Nel calcio, come nella vita, ognuno è libero di mettere a punto i propri rituali. Si è liberi di credere in qualcosa di superiore. Proprio questo, in latino significava superstizione (super stitio - ciò che è al di sopra), nel caso, in un destino già scritto per tutti e nascosto su chissà quale scaffale della libreria di chi ha deciso cosa. Ecco perché il 25 novembre verrà ricordato per sempre come un giorno buio per gli dei del calcio.

60 - Quello del primo anniversario della morte di Diego Armando Maradona non è staro il primo tristissimo addio che gli appassionati di calcio si trovano a piangere in questa data. Sì, perché 16 anni fa, in questa stessa data, giornali, radio e televisioni di tutto il mondo annunciavano la scomparsa di un altro genio assoluto del calcio: George Best. Un'altra figura, proprio come el Pibe de Oro, che ha regalato un nuovo volto semi-divino al calcio. Anche Best lasciava questo mondi a un'età ancora relativamente giovane. Lui, al contrario di Diego, non è neanche riuscito ad arrivarci, ai 60 anni. E proprio come El Pibe ha vissuto sempre sotto i riflettori soprattutto per il suo stile irriverente.

 MAR DEL PLATA, ARGENTINA - NOVEMBER 10: Diego Maradona, head coach of Gimnasia y Esgrima La Plata, gestures before a match between Aldosivi and Gimnasia y Esgrima La Plata as part of Superliga 2019/20 at Estadio Jose Maria Minella on November 10, 2019 in Mar del Plata, Argentina. (Photo by Marcos Brindicci/Getty Images)

SIMILI - Polemiche, controversie, problemi con alcool e non solo. Due personaggi destinati a far discutere non solo per le loro prodezze in campo. Dei e dannati. Niente e nessuno è riuscito a strappare entrambi questi geni del calcio all'amore del loro seguito. E sembra un macabro e tristissimo scherzo del destino strapparli dai loro affezionati nello stesso drammatico giorno, l'uno a 15 anni di distanza dall'altro. Tra l'altro, fra le coincidenze, c'è anche un'altra, terza, una di quelle che ha caratterizzato l'argentino è l'amicizia con Fidel Castro. Beh, anche il Generale ha lasciato la Terra nella stessa data. che tutti gli amanti del calcio vorrebbero cancellare dal calendario.