Il 2020 del Lipsia inizia malissimo: l’austriaco Ilsanker è accusato di violenza sessuale

Il 2020 del Lipsia inizia malissimo: l’austriaco Ilsanker è accusato di violenza sessuale

Dopo un 2019 da favola, il 2020 della capolista della Bundesliga inizia con un caso che con il calcio ha davvero poco a che vedere. Dall’Austria rimbalza una notizia di cronaca di quelle che non si vorrebbero mai ascoltare: Stefan Ilsanker è accusato di violenza sessuale.

di Redazione Il Posticipo

Per il Lipsia, il 2019 si è chiuso in una maniera che definire perfetta rischia di essere poco. La squadra guidata dal giovanissimo Julian Nagelsmann ha terminato la prima metà di Bundesliga al primo posto e ha strappato il pass per gli ottavi di Champions League, dove incontrerà il Tottenham di Mourinho vincendo il suo girone. Il 2020 però comincia con un paio di notizie che ai tifosi dei Tori Rossi sicuramente non faranno piacere. Sul mercato arriva l’addio di Diego Demme, ormai promesso sposo del Napoli. E dall’Austria rimbalza una notizia di cronaca di quelle che non si vorrebbero mai ascoltare: Stefan Ilsanker è accusato di violenza sessuale.

LE ACCUSE – L’austriaco, 30 anni, arrivato al Lipsia nel 2015, è stato denunciato da una ragazza di 26 anni alla polizia di Salisburgo. ORF, la radiotelevisione austriaca, spiega che le forze dell’ordine cittadine hanno ricevuto la denuncia, ma non fornisce altri dettagli. Ci pensano però dei quotidiani locali, come il Salzburger Nachrichten, a dare qualche notizia in più. La presunta aggressione sarebbe avvenuta nella notte tra il 3 e il 4 gennaio, dopo una festa privata in un appartamento, in cui secondo la testata c’è stato “abbastanza alcol”. E quindi ora il calciatore, che in questa stagione non sta trovando molto spazio nelle rotazioni, deve difendersi.

LA DIFESA – Ilsanker però si ritiene innocente. Il centrocampista prende quindi la parola e lo fa attraverso il suo avvocato, Kurt Jelinek. Il legale respinge ogni addebito nei confronti dell’austriaco, che in carriera ha vestito per 41 volte la maglia della sua nazionale. “Il mio cliente rifiuta con veemenza queste dure accuse. Ci sono molte significative discrepanze nelle versioni riguardo quello che è realmente accaduto in quell’appartamento”. Nel frattempo, però, la polizia indaga. Il Lipsia, invece, non ha ancora rilasciato alcuna dichiarazione sul caso. Ma di certo il club non si aspettava che dopo un 2019 da favola, il suo 2020 iniziasse con un caso che con il calcio ha davvero poco a che vedere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy