Ibrahimovic, la statua fa discutere: Calciopoli è arrivata in Svezia…

Ibrahimovic, la statua fa discutere: Calciopoli è arrivata in Svezia…

La statua del calciatore svedese inizia a far discutere i puristi: al netto degli errori, correggibili, sui nomi dei titoli, anche in Svezia si parla degli scudetti 2005 e 2006 vinti da Ibra sul campo, cancellati dalla giustizia sportiva ma presenti nell’opera.

di Redazione Il Posticipo

Calciopoli arriva anche in Svezia. No, nessuno scandalo. Solo polemica sollevata riguardo la statua di Zlatan Ibrahimovic. Al netto della bellezza della scultura, vi sono diversi errori di… scalpello che non sono sfuggiti agli esperti di calcio. Specialmente quelli riguardanti i nomi di alcune squadre e di diversi  titoli. E, soprattutto,fa discutere l’assegnazione degli scudetti del 2005 e del 2006. Ciò che ancora oggi divide in Italia, crea discussione anche in Svezia.

ERRORI – Il web, si sa, non perdona. E non sono sfuggiti alcuni errori addirittura raccolti e catalogati dagli utenti. Come “FG Internazionale”, risalenti al periodo dell’Inter, o “Trofees de Hampions” per quanto riguarda i successi a Parigi. Ciò che ha destato più scalpore e discussione però, nonché considerati particolarmente gravi, è l’attribuzione dei titoli legati all’era di Calciopoli. In quel caso i commenti sarebbero stati particolarmente polemici.

SCALPELLO  – Ovviamente, le voci hanno generato la risposta dell’autore della statua. Secondo quanto riportato da AS, lo scultore Peter Linde non si è voluto assumere la paternità degli errori commessi. Del resto, lui è un artista e non deve essere per forza un esperto di calcio. E sa già con chi prendersela. Sul sito del quotidiano spagnolo sono rintracciabili le sue dichiarazioni. “Si corregge facilmente. Non ci sono problemi. Non riesco a capire perchè se ne stia facendo una questione così grande. Non è questo l’importante”.

FEDERCALCIO  – Fra l’altro lo scultore afferma di avere inserito i dati inviati dalla Federcalcio Svedese. Dunque non si è preoccupato che i titoli vinti da Ibrahimovic fossero passati o meno sotto la lente della giustizia sportiva. Per gli errori, invece, ha dovuto prendere atto. “Ho inoltrato i testi. Gli errori di ortografia che sono stati corretti. Non ne sapevo nulla. Non tutti i titoli sono così facili“. Un colpo di scalpello, e tutto andrà a posto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy