Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ibra furioso con FIFA: “Non ho mai permesso di usare il mio nome e la mia faccia”

MILAN, ITALY - NOVEMBER 08:  Zlatan Ibrahimovic of AC Milan reacts after misses a penalty kick during the Serie A match between AC Milan and Hellas Verona FC at Stadio Giuseppe Meazza on November 8, 2020 in Milan, Italy.  (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Il centravanti del Milan non le manda a dire attraverso i social. E pensare che aveva regalato una Playstation 5 a ciascun compagno.

Redazione Il Posticipo

Ibrahimovic arrabbiatissimo. E non solo per il fastidioso infortunio muscolare rimediato nella sfida contro il Napoli che lo potrebbe tenere lontano dai campi di gioco per le prossime tre settimane.  Il centravanti svedese è furioso con FIFA, il popolare videogioco che avrebbe utilizzato, senza il suo permesso, la sua immagine.

SOCIAL  - Lo svedese ha "cinguettato" attraverso il proprio profilo twitter. E non sono esattamente parole concilianti. La tesi sostenuta dallo svedese è che qualcuno abbia agito senza il suo consenso e che con ogni probabilità andrà a fondo della situazione venutasi a creare. "Chi ha concesso a FIFA EA Sport il permesso di usare il mio nome e il mio viso? Non sono a conoscenza di essere un membro di Fifpo e se lo sono, qualcuno mi ci ha messo senza che io ne fossi a conoscenza attraverso qualche strana manovra. Di certo, io non ho mai dato il consenso per fare soldi usando me".

PLAYSTATION 5 - Ironia, della sorte, proprio qualche giorno fa il centravanti del Milan si era reso protagonista di un gesto... di favore verso FIFA. Lo svedese, infatti, era riuscito, come spesso gli succede anche sul campo, ad anticipare tutti e ad acquistare ben 28 Playstation 5, "pezzo" introvabile nonché oggetto del desiderio di milioni di vidoegiocatori. Una spesa niente male anche dal punto di vista del portafoglio, ma largamente alla portata delle tasche di Ibra. Una scelta  non casuale quella dello svedese che aveva voluto omaggiare ciascun membro della rosa per aver contribuito all'ottimo avvio di stagione che vede i rossoneri in testa al campionati. Resta da capire se adesso, considerando l'influenza quasi ascetica che ha sul gruppo, permetterà ai suoi compagni di giocare al popolarissimo videogame calcistico.