Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ibra, apprensione anche a Stoccolma: “Seguiamo per capire se c’è qualcosa che influirà sulle convocazioni”

(Photo by Handout/UEFA via Getty Images)

Il Colosso di Malmö ha avuto un problema al ginocchio ed è stato costretto a lasciare il campo durante la vittoria con la Juventus. Il Milan non è tranquillo, ma a guardare con attenzione la situazione c'è anche il CT della Svezia...

Redazione Il Posticipo

Ibra fa crac e...tutti si preoccupano. Normale, visto l'impatto che nonostante l'età lo svedese ha sul calcio italiano e non solo. Il Milan batte la Juventus per 0-3 a Torino e Pioli mette tre punti tra lui e il quinto posto con tre giornate ancora da giocare. Ma nonostante la vittoria clamorosa, i rossoneri non riescono a stare tranquilli. Il condottiero, il Colosso di Malmö, ha avuto un problema al ginocchio ed è stato costretto a lasciare il campo. Il tecnico non è tranquillo, visto che il centravanti aveva già segnalato qualche fastidio proprio al ginocchio in settimana, e spera di averlo a disposizione per il rush finale. Ma a guardare con attenzione la situazione c'è anche il CT della Svezia.

APPRENSIONE - Una apprensione logica, dato che negli ultimi mesi non si è fatto altro che parlare del ritorno di Ibra in nazionale. Dalle polemiche si è passati ai messaggi distensivi e poi, finalmente, alla pace. Zlatan ha potuto di nuovo indossare la maglia gialloblu e si è subito fatto apprezzare, in particolare dai giovani, che comprensibilmente guardano a lui come una leggenda. Ora però quel ginocchio preoccupa parecchio anche Janne Andersson, commissario tecnico svedese, che sta monitorando il tutto con estremo interesse. Lo ha confermato lo stesso tecnico con un messaggio inviato a Fotbollskanalen, che gli chiedeva un commento riguardo la situazione. Il CT degli scandinavi non ha voluto fare previsioni, ma ovviamente non può non attendere novità direttamente da Milanello.

 (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

EUROPEI E MONDIALI - "Quando il calciatore è a disposizione del club, è il club stesso che rilascia commenti su qualsiasi infortunio. Ma ovviamente noi seguiamo con attenzione i nostri calciatori e cerchiamo di capire se c'è qualcosa che possa influire sulle convocazioni della nazionale". Insomma, a parlare sarà il Milan, ma la preoccupazione c'è ed è parecchia. Del resto, il ritorno di Ibra in nazionale ha restituito nuova linfa alla Svezia, che con Zlatan a guidare l'attacco sogna di dire la sua all'Europeo di questa estate. E il CT, che prima era spaventato del possibile impatto negativo della sua stella, di recente ha spiegato che se lo porterebbe volentieri anche in Qatar nel 2022. Ecco perchè un infortunio arrivato in un match di Serie A ha tanta eco fino a Stoccolma. ;a quando si parla di Ibra, non sarebbe normale il contrario...