Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

I tifosi del City temono il Chelsea, Guardiola rassicura: “Per la finale di Champions saremo pronti”

(Getty Images)

Il Chelsea ha vinto gli ultimi due confronti con il Manchester City che, punto su punto, si sta dirigendo verso la conquista del campionato. tifosi del City sono quindi un po' preoccupati, ma Guardiola prova a tranquillizzarli...

Redazione Il Posticipo

Ogni competizione fa storia a sé. Se così non fosse, le piccole squadre che ogni tanto fanno il miracolo e battono le grandi in coppa avrebbero bacheche piene al punto di esplodere. Ma una partita secca non può mettere in discussione una stagione e non implica che una squadra sia necessariamente più forte di un'altra. Un allenatore come Pep Guardiola lo sa bene e cerca di allontanare dai propri tifosi le piccole paure che si fanno strada dal buio ora che la finale di Champions League contro il Chelsea si avvicina. Le ultime due sfide contro i Blues sono l'eliminazione in coppa e la sconfitta in campionato ma Pep rassicura i tifosi.

OBIETTIVI - Il Chelsea ha vinto gli ultimi due confronti con il Manchester City che, punto su punto, si sta dirigendo verso la conquista del campionato. I Blues in classifica non hanno possibilità di sorpasso ma proveranno a "consolarsi" battendo i compatrioti in finale di Champions League. I tifosi del City sono quindi un po' preoccupati visto che la squadra ha perso gli ultimi due confronti con la squadra di Tuchel. Pep Guardiola, come riporta il Mundo Deportivo, vuole rassicurarli: "Sono abbastanza sicuro che entro la finale di Champions League saremo pronti per competere e giocare la miglior partita possibile". In Inghilterra, infatti, uno dei motivi di incostanza di cui gli allenatori si lamentano è legato ai troppi impegni per le due coppe nazionali, quelle europee e ovviamente, le partite di campionato. “Ora che la FA Cup e la Carabao Cup sono finite, dobbiamo concentrarci sulla vittoria della Premier League".

 (Photo by Julian Finney/Getty Images)

PUNTI E TEMPO - Che è vicinissima, ma va comunque conquistata. "Mancano ancora dei punti. Quando avremo conquistato i punti restanti, saremo campioni. Fino ad allora, il campione è il Liverpool. Noi non lo siamo ancora. Non è ancora finita, bisogna vincere le partite e proveremo a farlo nella prossima partita contro il Newcastle. Se questa è la pressione per vincere il titolo, questa è la pressione che voglio. Proveremo, nelle prossime tre partite, a vincere la Premier League e poi, dipende dal giorno in cui accadrà, ci prepareremo per la finale di Champions League". Insomma, un obiettivo alla volta. Ora, il tempo per prepararsi c'è.