Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

I segreti di Haaland: “Quando andrò in pensione avrò una fattoria. Ho imparato guardando Vardy e Van Persie”

(Photo by Lars Baron/Getty Images)

Il centravanti del Borussia Dortmund, pezzo pregiato del prossimo mercato, ha diverse passioni oltre al pallone e ha rivelato quello a cui si dedica quando non deve segnare caterve di gol: la musica e il campo da arare e seminare.

Redazione Il Posticipo

Haaland a tutto campo, ma non solo. Il centravanti del Borussia Dortmund, pezzo pregiato del prossimo mercato, ha diverse passioni oltre al pallone. E qualche tempo fa, in una lunga intervista rilasciata a SkySports, ha parlato anche di quello a cui si dedica quando non deve segnare caterve di gol: la musica e il campo da arare e seminare.

STUDIOSO - Haaland sin da subito si è dedicato al calcio. Studiando anche altri calciatori per migliorare le sue abilità. "Ho sempre guardato molto calcio e lo guardo ancora oggi. Quando giochiamo il sabato, vado a casa la domenica e seguo tutto il possibile per tutto il giorno. Credo che nei movimenti il migliore sia Jamie Vardy. L'ho guardato molto proprio su questo. Ho studiato molto anche Van Persie, essendo anche lui mancino. Ho seguito molti giocatori, soprattutto attaccanti, e naturalmente Ibra. Fra i difensori invece ritengo che i migliori siano Van Dijk e Sergio Ramos. La vera ispirazione però nasce dalla voglia di vincere. Odio perdere, è la cosa peggiore. Mi piacerebbe riuscirci contro il Bayern. Non ci ho mai vinto".

CANTANTE - Dal calcio agli hobby. In Norvegia si divertiva con la musica. Aveva una band e si dedicava al rap. "Sì, si chiamava Flow Kingz. Prima di venire al Borussia Dortmund, mi consideravo un ragazzo semplice. Lo sono ancora ma in un modo un po' diverso. Le cose sono cambiate dal mio debutto in Champions League. Cerco di essere me stesso il più possibile, ma so che devo stare un po' attento, potrei ritrovarmi in una foto o in video in qualsiasi momento. La mia giornata tipo è... senza sveglia. Se è bel tempo, faccio una buona colazione e poi mi sdraio al sole tutto il giorno, rilassandomi o chiacchierando con amici e familiari. Non è facile essere un calciatore, c'è molta pressione da gestire. Quando puoi rilassarti, devi farlo".

CONTADINO - Dal campo da calcio a quello agricolo. Anche quello è un progetto. "Sono cresciuto a Bryne, una città di contadini. Non mi dispiace vivere in una fattoria, guidare un trattore o dare da mangiare alle mucche o altro. Non possiedo fattorie, ma lo farò sicuramente in futuro dopo che andrò in pensione. Non so dove, ma sono abbastanza sicuro che avrò degli animali. Stiamo pensando di prendere un paio di capre, vedremo". Di certo, non gli dovrebbe mancare la possibilità economica di comprarle...