Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

I rimpianti di Götze: “Io e il Bayern dovevamo darci più tempo. E se fossi andato a Liverpool con Klopp…”

I rimpianti di Götze: “Io e il Bayern dovevamo darci più tempo. E se fossi andato a Liverpool con Klopp…” - immagine 1
A trent'anni appena compiuti, Mario Götze è un calciatore che è...stato dato per finito, salvo poi rinascere. Il tedesco si racconta in un'intervista, spiegando che avrebbe voluto darsi più tempo al Bayern, ma anche andare a Liverpool con...

Redazione Il Posticipo

A trent'anni appena compiuti, Mario Götze è un calciatore che è...stato dato per finito, salvo poi rinascere. Il tedesco, in procinto di trasferirsi al Benfica dal PSV Eindhoven, è esploso giovanissimo con il Borussia Dortmund, guadagnandosi il passaggio al Bayern Monaco e segnando anche il gol decisivo nella finale mondiale del 2014. Poi gli infortuni lo hanno fermato, costringendolo a lunghissimi stop e a un crollo delle prestazioni clamoroso. Ora però il teutonico è tornato e in un'intervista alla Bild si racconta senza filtri.

IL GOL MONDIALE

A partire, neanche a dirlo, da quella rete che lo ha spedito dritto nella storia del calcio mondiale. "Probabilmente ne ho parlato giusto qualche centinaio di volte. A volte me ne parla addirittura la gente quando mi incontra per strada o mi dice come ha vissuto la finalissima. Ed è una bella cosa, non vogliono sentire cosa mi ricordo io, ma preferiscono condividere con me i loro ricordi e i loro sentimenti. A volte devo darmi un pizzicotto per ricordarmi che sono passati già otto anni". Insomma, di quel gol gliene parlano tutti. Tranne qualcuno, ma...per ovvi motivi. "L'unica persona che non mi ha mai chiesto nulla al riguardo è mio figlio. E non vedo l'ora di vedere quel gol con lui per la prima volta, anche se ci vorrà ancora un po', visto che ha solo un anno e mezzo!".

IL BAYERN

Dopo quella rete, però, la sua carriera si è arenata. Il passaggio al Bayern Monaco nel 2013 non è stato positivo come ci si aspettava e dopo appena tre stagioni Götze ha preferito tornare al Borussia Dortmund. Il che però al momento è un rimpianto. "Penso che sarei dovuto rimanere un po' di più, lo si vede da Lewandowski. Lui è a Monaco di Baviera dal 2014 e i suoi ultimi anni sono stati molto meglio dei primi. Io non mi sono dato il tempo necessario, ma non lo ha fatto neanche il Bayern, il che è un fattore importante. Guardate Benzema, sono 13 anni che è al Real Madrid e gioca meglio di quanto non abbia mai fatto".

IL LIVERPOOL

Un altro rimpianto? Non aver seguito il suo maestro. Quando c'è stata la separazione con il Bayern, c'era un certo Jürgen Klopp pronto a portarlo con sè al Liverpool. E per quanto il tedesco sia felice della sua vita, forse il pensiero di Anfield lascia un po' l'amaro in bocca. "Sono contento di dove sono, ma forse se fossi andato al Liverpool quando mi voleva Klopp avrei vinto qualche titolo in più. Sarebbe stato anche bello tornare a Monaco e spiegare al Bayern perchè avremmo dovuto continuare assieme. Ma chissà come sarebbe cambiata la mia vita...".