Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

I medici di Premier League: “I calciatori riluttanti si vaccineranno…perchè vogliono andare a ballare!”

KALININGRAD, RUSSIA - JUNE 22:  Granit Xhaka of Switzerland celebrates after scoring his team's first goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group E match between Serbia and Switzerland at Kaliningrad Stadium on June 22, 2018 in Kaliningrad, Russia.  (Photo by Clive Rose/Getty Images)

Tra le norme previste nel Regno Unito per l'autunno c'è anche l'impossibilità per chi non è vaccinato di accedere a discoteche e locali notturni. Un bel problema per i calciatori, che a questo punto potrebbero superare i loro dubbi...

Redazione Il Posticipo

A quasi due anni dai primi casi riscontrati, la pandemia di Covid-19 non dà ancora tregua. E anche il calcio continua a subirne le conseguenze, anche se in modo assai minore rispetto a quando tutto si è dovuto fermare per il lockdown semi-planetario. In Premier League ha fatto scalpore il caso di Granit Xhaka, che ha saltato le partite con la nazionale svizzera perchè è stato contagiato dopo aver rifiutato il vaccino. E proprio a chi ancora non vuole farlo si rivolgono i medici dei club, che stanno cercando di convincere i calciatori riluttanti a vaccinarsi, spiegando i benefici della scelta sulle squadre e sulle famiglie, ma anche su altri aspetti della vita privata.

OTTOBRE - Ma forse l'assist migliore arriva direttamente dal governo di Boris Johnson. Il Regno Unito è stato uno dei primi paesi a rimuovere le restrizioni più pesanti una volta che la campagna vaccinale è andata a regime, ma sarà anche uno dei luoghi dove chi non ha ancora provveduto a immunizzarsi avrà la vita più difficile. Come spiega il DailyMail, tra le norme previste per l'autunno, quando le possibilità di nuove ondate potrebbero aumentare, c'è anche l'impossibilità per chi non è vaccinato di accedere a discoteche e locali notturni. Un bel problema per chi tra i calciatori si diverte a uscire la sera. E infatti il tabloid titola: "I calciatori di Premier riluttanti finalmente si vaccineranno perchè vogliono andare a ballare".

RESTRIZIONI - E per quanto assurdo possa sembrare, anche uno dei medici della Premier League, contattato dalla testata, conferma che i programmi del governo per i prossimi mesi potranno spronare i più indecisi. Oltre, ovviamente, agli altri problemi che affronterà chi è contrario. "Le restrizioni ai viaggi internazionali stanno cominciando a far capire ad alcuni dei calciatori quanto sia complicato muoversi in giro per il mondo senza essersi vaccinati. Per questa ragione, ma anche per le restrizioni alla loro vita sociale che arriveranno a ottobre, cominceremo a vedere che molti dei giocatori che ancora non lo hanno fatto si andranno a vaccinare". Basterà la voglia di passare la serata in discoteca per convincere chi ancora non lo ha fatto a vaccinarsi? Chissà...