calcio

I calciatori sono dormiglioni? CR7 fa sei sonnellini al giorno, Messi invece…

Redazione Il Posticipo

 (Photo by SSC NAPOLI/SSC NAPOLI via Getty Images)

Nella seconda metà del 1990 Maradona ha già intrapreso la parabola discendente: il Napoli deve giocare l’ottavo di finale di Coppa dei Campioni contro lo Spartak Mosca e tutti aspettano inutilmente Diego, che rimane a casa a...dormire. Raggiunge la capitale sovietica con un volo privato ma non gioca dall’inizio e il Napoli è costretto ad abbandonare la competizione. Dopo un doppio 0-0, gli azzurri sono eliminati ai calci di rigore.