Hubner: “Pirlo è un ragazzo stupendo ma oggi si fa presto ad allenare in A”

Hubner: “Pirlo è un ragazzo stupendo ma oggi si fa presto ad allenare in A”

L’ex attaccante ha affrontato diversi argomenti….

di Redazione Il Posticipo

L’ex attaccante Dario Hubner è intervenuto in diretta a Stadio Aperto, trasmissione di TMW Radio e ha parlato un po’ di tutto concentrandosi soprattutto sulla figura di Pirlo e Conte e su un calcio totalmente diverso rispetto a quello che ha conosciuto quando… da “Tatanka” è riuscito a imporsi in serie A.

SORPRESA – La scelta della Juventus ha sorpreso l’attaccante, ma fino a un ceto punto “Oggi si fa presto a diventare allenatori di Serie A. Oggi è più facile, hai più strumenti, numeri, dati. E poi se magari il centrale marca al contrario, l’allenatore in panchina non se ne accorge. Ricordo che trent’anni fa ti ci voleva un ventennio tra B e C. Di Andrea posso dire che era un ragazzo stupendo, diligente e intelligente. Non mi ha sorpreso la sua carriera, mentalmente pensava alle cose un istante prima degli altri. Come allenatore è da scoprire, e gli auguro tutto il bene del mondo. E se gli riesce, dalla panchina, ciò che voleva in campo, beh, la Juve ha trovato un allenatore ideale. Sarà un bel test”.

RIPRESA – A breve si riparte con un altro tipo di calcio. “Mi ha dato quasi fastidio, c’è bisogno del tifo. Credo che alcune squadre ci abbiano rimesso dei punti, sia in campionato che in Champions. Tanti giocatori sono abituati a caricarsi col pubblico, credo che qualcuno abbia dato meno”. Chi punta molto sulla carica è Conte. “L’Inter è un’ottima squadra e con una due pedine importanti potrebbe avvicinarsi molto al livello della Juventus. Sulle sue dichiarazioni dico che bisogna capire cosa intendeva… Anche Mourinho era così, seppure non attaccava la società, anzi, voleva prendersi la pressione. Diciamo che ha sbagliato destinatario”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy