Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lanzafame: “Che gioia il titolo con l’Honved. Il calcio in Ungheria è in grande crescita”

L'attaccante racconta la sua esperienza all'Honved, dove la squadra ha appena vinto la coppa nazionale.

Redazione Il Posticipo

Davide Lanzafame, racconta la sua esperienza all'Honved, dove la squadra ha appena vinto la coppa nazionale. L'attaccante italiano ha parlato della sua esperienza "danubiana" su TMW Radio

ADATTAMENTO - L'ex calciatore, fra le altre, di Juventus, Catania e Novara, ha parlato del suo ambientamento. "Sicuramente la ripresa è stato difficile a livello fisico, dopo due mesi di inattività non è stato semplice ma è arrivata una grande soddisfazione: la coppa qua è molto importante e sono veramente felice di averla vinta". Problema porte chiuse superato. In 10mila allo stadio. "In realtà a Budapest non abbiamo avuto grandi numeri ed infatti non c'è mai stato un lockdown troppo serrato. Ora abbiamo ripreso a giocare a porte aperte, c'è capienza ridotta. Comunque è un'atmosfera particolare".

ENTUSIASTA - Lanzafame è comunque entusiasta dell'esperienza: "Venivo qua a scatola chiusa dopo un periodo non facilissimo. Cambiavo troppe squadre e ruoli, mi serviva una svolta. Il primo anno che son tornato è stato bellissimo, ho vinto il campionato. Anche il secondo è stato positivo, ho segnato in Champions. In Italia generalmente si tende a sottovalutare i campionati esteri, eppure stanno crescendo molto. Questo calcio è nettamente in espansione, anche sul lato finanziario: non c'è un mese di ritardo nei pagamenti".

RITORNO - Sannino è tornato in Italia. Lanzafame ci pensa due volte. "La vittoria della coppa è in maggioranza merito suo: ci ha portati in semifinale. Una parte del suo staff voleva tornare dalle famiglie e si è trovato in una situazione difficile. Mi è dispiaciuto che non abbia potuto finire il suo lavoro ma noi giocatori sappiamo che molto del merito è suo.  Se si prospettasse una sfida importante la terrei in considerazione, ma qua mi sento a casa, sono felice e non mi manca nulla. L'Honved mi ha dato senso di appartenenza, e se lo dovessi lasciare lo farei per una situazione valida".