calcio

Hoeness spara a zero contro il Barça: “Hanno il giudice fallimentare davanti alla porta, ma vogliono Lewa…”

Hoeness spara a zero contro il Barça: “Hanno il giudice fallimentare davanti alla porta, ma vogliono Lewa…” - immagine 1

La prima regola per vivere serenamente al Bayern Monaco? Non fare arrabbiare Uli Hoeneß. Un qualcosa che di recente hanno fatto sia Lewandowski che il Barcellona. E l'ex presidente dei bavaresi non risparmia frecciate a nessuno...

Redazione Il Posticipo

La prima regola per vivere serenamente al Bayern Monaco? Non fare arrabbiare Uli Hoeneß. E il fatto che l'ex presidente del club non sia più nell'organigramma ufficiale del club di Säbener Straße non deve ingannare: se qualcuno dice o fa qualcosa che va contro gli interessi del Bayern, può stare pur certo che in tempi brevi l'ira del buon Uli si abbatterà su di lui. Lo hanno imparato in molti nel corso degli anni, gli ultimi in ordine di tempo sono un calciatore attualmente in rosa e il club che sta cercando di portarlo via da Monaco di Baviera. E ogni riferimento a Robert Lewandowski e al Barcellona non è casuale proprio per nulla...

FALLIMENTO - Hoeneß ha parlato della situazione che coinvolge il centravanti polacco a RTL e come sempre non si è certo tenuto dentro quello che pensa. Ovvero che il Barça non sia nella condizione di provare ad acquistare il calciatore, visti i problemi economici che affliggono i catalani. "Dicono che vogliono Lewandowski, ma sei mesi fa avevano debiti da 1,3 miliardi di euro. Devono essere degli artisti, perchè in Germania sarebbero stati dichiarati insolventi da molto tempo. Hanno davanti alla porta il giudice fallimentare e presentano un'offerta per un calciatore del Bayern...". Offerta che sarebbe da 32 milioni e che il club ha già provveduto a rispedire al mittente: "Al momento non so di nessuno al Bayern che sarebbe disposto a liberare Robert dal suo contratto".

LEWA - Contratto che dura fino a giugno 2023, con buona pace del procuratore del polacco Pini Zahavi, che ha dichiarato che tra il suo assistito e il Bayern è finita. Ma Hoeneß contrattacca, spiegando che questa storia finisce...quando lo decide il club: "Evidentemente non abbiamo ancora preso un suo sostituto, quindi la nostra opinione è chiara". Dunque, Lewa resta fino al 2023. E magari avrà il tempo di cambiare idea. "Se rimane, gioca bene e continua a sentirsi a casa in Germania con la sua famiglia, magari a gennaio penserà 'wow, si sta bene qui, potrei rimanere altri due o tre anni'. È molto improbabile che il club lo lascerà andare e non è detto che non giochi con noi anche nella stagione 2023/24. Sia noi che lui avremo un anno per sistemare le cose". Magari, senza far arrabbiare Hoeneß...