La mano chirurgica di Higuain trascina in alto la Juventus

La mano di Higuain su Napoli-Juventus: Higuain gioca, segna e riapre il campionato. La sfida del San Paolo lascia in eredità una Juve che fa paura.

di Redazione Il Posticipo

La mano di Higuain. Il Pipita guarisce, torna in tempo per violare il San Paolo, accorcia la classifica e ricorda a tutta la Serie A cosa significhi essere la Juventus. Non mollare di un centimetro. Né sbagliare mai le partite che contano. Napoli-Juve lascia in eredità una squadra ritrovata. Allegri ha di che sorridere: vince uno scontro diretto fondamentale per rilanciarsi e adesso ha altri due scontri diretti per ridisegnare classifica e ambizioni.

La mano chirurgica di Higuain

La decide Higuain. Che usa eccome, le mani. La destra è quasi fuori uso. Il piede però no, eccome. E la sinistra, quella “buona”, gli è servita. Prima per “incitare” la folla intenta ad insultarlo durante il riscaldamento. Poi portandosi portarsela all’orecchio per sentire il brusio del San Paolo al momento del gol. Infine per portarsela alla fronte, a cercare il “nemico” in tribuna d’onore. Non serve un grande sforzo di fantasia per capire che ogni riferimento per nulla casuale punta a Aurelio De Laurentiis. Una rivincita enorme e la dimostrazione che all’argentino la personalità non manca.

La mano di Allegri a Dybala e Costa

Una bella mano alla Juventus arriva anche dalla panchina. Allegri non sbaglia nulla: imposta una partita tatticamente perfetta. Gioca la palla in difesa, apre il Napoli e lo allunga. E permette a Dybala e Costa, stretti dietro Higuain, di infilarsi fra le linee. I due sudamericani ripiegano parecchio anche in fase difensiva. Risultato, spazi intasati al centro, Napoli costretto ai cross e Juventus, alta e grossa, invitata a nozze. In fase di possesso, invece, Costa si è trasformato in un magnifico apriscatole. Accentrato, accanto a Dybala, e con la copertura garantita da Marchisio e Matuidi, la Juventus ha vinto la sfida dove serviva. A centrocampo. E lo spirito di sacrificio, unito alla classe, consegna alla Juve un giocatore che, adesso sì, vale davvero oltre 40 milioni.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy