Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Hierro lancia un appello a Florentino: “Lascia che la carriera di Sergio Ramos termini al Real…”

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Quando si parla di gratitudine nei confronti dei calciatori che hanno scritto la storia, il Real Madrid non è decisamente in vetta alle classifiche. Non sorprende dunque che il rinnovo di Sergio Ramos non sia una priorità. Ma entra in tackle...

Redazione Il Posticipo

Quando si parla di gratitudine nei confronti dei calciatori che hanno scritto la storia di un club, il Real Madrid non è decisamente in vetta alle classifiche. Basterebbe pensare che Raul Gonzalez Blanco, che anche dal cognome una certa assonanza alle Merengues ce l'aveva, è stato lasciato andare senza troppi problemi dopo una carriera tutta dedicata ai madrileni. Non troppo dissimile la rottura con Iker Casillas, che oltre a essere il capitano dei Blancos è stato anche colui che ha sollevato due Europei e un Mondiale con la maglia della Spagna. E persino l'addio di Cristiano Ronaldo, uno che rimarrà negli almanacchi a lungo, dentro e fuori dal Bernabeu, è stato derubricato a semplice separazione da un calciatore come tanti.

EREDE - Non sorprende dunque che il rinnovo del Gran Capitan Sergio Ramos, che continua a essere abbastanza complicato, non sia poi una priorità del club guidato da Florentino Perez. Che però riceve un avviso importante. Anche perchè a farlo è un altro della lista di quelli a cui è stata poco cerimoniosamente mostrata la porta: Fernando Hierro. L'ex difensore del Real e della Spagna ha parlato a Goal e ha spiegato che il suo erede, cioè Ramos, merita un trattamento diverso da quello che lui stesso ha subito. "Vorrei che continuasse al Real, per tutto quello che è e per tutto quello che rappresenta. Lasciate che la sua carriera sportiva termini qui". Parole chiare, che però non è detto che facciano breccia nel cuore del Presi.

 (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

LEADER - Hierro, del resto, rivede molto di sè in Ramos e considera il Gran Capitan non solo fondamentale per le fortune del Real, ma anche per quelle della nazionale spagnola, che lui stesso ha guidato nel complicato Mondiale in Russia dopo l'esonero di Lopetegui. "Come calciatore del Real Madrid e come capitano della nazionale, è un calciatore che contribuisce molto alle fortune di una squadra. Ha una capacità di essere leader che sarebbe fondamentale in qualsiasi rosa. Sergio è un ragazzo che trasmette molto agli altri e tutte cose positive. È un esempio. E questo sarà un anno speciale per lui, sarà un calciatore importante anche nei prossimi Europei". Se poi ci arriverà con la maglia del Real o da svincolato, questo è tutto da vedersi...