Herrera, che attacco ai compagni! “Non è bello parlare ora che Mou non c’è, le cose ditegliele in faccia…”

Herrera, che attacco ai compagni! “Non è bello parlare ora che Mou non c’è, le cose ditegliele in faccia…”

Ander Herrera è talmente legato all’allenatore portoghese, che adesso che Mourinho non c’è più…se ne va anche lui. Ma non prima di lanciare un attacco neanche troppo velato a chi, dopo l’addio del tecnico, lo ha attaccato…

di Francesco Cavallini

Josè Mourinho se n’è andato dallo United (anzi, lo hanno esonerato), ma qualcuno gli è ancora rimasto fedele. Sì, il portoghese aveva contro buona parte dello spogliatoio, come dimostrano le tante frecciate lanciate dai suoi ex calciatori da quando in panchina c’è Solskjaer. Ma come gli accade ovunque vada, lo Special One è comunque riuscito a crearsi un suo fedelissimo. Che a Old Trafford è Ander Herrera, talmente legato all’allenatore portoghese che adesso che Mou non c’è più…se ne va anche lui, con il contratto che scade e (si mormora) un’offerta multimilionaria del PSG, pronto a regalargli un posto a centrocampo.

BILANCIO – E in un’intervista alla televisione spagnola ABC, Herrera difende a spada tratta il suo ex allenatore, attaccando a sua volta chi dopo la fine dell’era Mourinho si è lasciato andare a dichiarazioni non proprio lusinghiere sul portoghese. “Abbiamo avuto due stagioni ottime e abbiamo anche vinto tre titoli. Certo, l’ultimo anno, quello in cui avremmo dovuto spiccare il volo, non è andato come ci aspettavamo. Abbiamo iniziato male e ci siamo trascinati quella situazione finchè non è arrivato Solskjaer. Ma non sarò certo io a dire qualcosa di male riguardo Mourinho”. Il che è esattamente lo stesso comportamento che Herrera ha mantenuto quando l’ex tecnico dello United era ancora in panchina.

IN FACCIA – Non si può dire lo stesso di molti compagni, che non hanno mai apertamente criticato il portoghese finchè aveva ancora il potere a Old Trafford. Un qualcosa che allo spagnolo non va decisamente giù. “Devi rispettare quelli che hanno dato tutto per la squadra e per il club. E Mourinho è uno così. Il finale non è stato quello che volevamo, ma non è da persone coraggiose parlare male di un allenatore che non c’è più. Se senti il bisogno di farlo, le cose devi dirgliele in faccia”. Più o meno quello che ha fatto Herrera, pur senza fare nomi, con i suoi compagni. E il fatto che lo spagnolo se ne vada a fine stagione diventa improvvisamente più comprensibile…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy