Hazard, il medico del Belgio spaventa il Real: “Ha ricadute croniche, è un circolo vizioso…”

Quando è arrivato a Madrid, per Eden Hazard è stato subito evidente che l’eredità di CR7 sarebbe stata tutta sulle sue spalle. Poi però sono arrivati gli infortuni, che gli stanno impedendo di dimostrare il suo valore al Real. E il medico della nazionale dice la sua…

di Redazione Il Posticipo

Quando è arrivato a Madrid, per Eden Hazard è stato subito evidente che l’eredità di Cristiano Ronaldo sarebbe stata tutta sulle sue spalle. Il che sarebbe un problema per chiunque, ma se qualcuno poteva provare a far dimenticare il cinque volte Pallone d’Oro alla Casa Blanca, quello doveva essere il belga. Pagato tanto, tantissimo, considerando che nella stagione successiva sarebbe andato a parametro zero e che fino a quel momento 100 milioni (almeno secondo le cifre ufficiali) dal Real erano stati spesi solo per Bale. Però alla fine sembravano tutti contenti: il calciatore aveva realizzato un sogno, Zidane aveva ottenuto un talento che ha sempre apprezzato e il club aveva portato l’ennesimo Galactico al Bernabeu.

RICADUTE – Poi però sono arrivati gli infortuni. Un qualcosa che nella carriera di Hazard c’è sempre stato, ma che ora gli stanno impedendo di dimostrare il suo valore a Madrid. Ogni volta che il belga torna in campo, dopo poco tempo è costretto a fermarsi di nuovo. E ora arriva Kristof Sas, il medico della nazionale, a spaventare il Real. Parlando a Nieuwsblad, il dottore della selezione di Roberto Martinez dice la sua sullo stato fisico del numero 7 dei Blancos. E non sono buone notizie. “Aspettiamo di saperne di più, ma è preoccupante. Gli infortuni di altri giocatori, come Praet, Mertens o De Bruyne ora come ora non ci preoccupano per quello che riguarda gli Europei, anzi, per loro è un po’ di riposo. Ma con Hazard è diverso. Sono ricadute croniche e alla fine sta sempre male”.

CIRCOLO VIZIOSO – Un qualcosa che a Madrid sanno bene, purtroppo per Zidane. “All’inizio è stato un problema alla caviglia, ma gli ultimi tre infortuno sono lesioni muscolari. Eden è in un circolo vizioso dal quale non è semplice uscire. Come per qualsiasi atleta d’élite ha bisogno che tutti i suoi gruppi muscolari si allenino al meglio. Un calciatore deve colpire il pallone, dribblare, saltare, e il tutto a grandissima velocità. Un qualcosa di molto complicato durante la riabilitazione”. Insomma, paura a Madrid ma anche a Bruxelles, dove temono un Hazard almeno a mezzo servizio per gli Europei… “Avremmo preferito che Eden giocasse sempre con il Real, è il miglior modo per arrivare bene all’estate. La situazione non è troppo complicata per noi, ma deve uscire da questo vicolo cieco”. Più facile a dirsi, che a farsi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy