calcio

Hazard e il Sarri-ball: non un… falso problema

Hazard non segna...dallo scorso anno e il Chelsea è in piena crisi realizzativa. Un falso ‘nueve’ ma non un… falso problema. E se non fosse lui la punta atipica che serve a Sarri? La heatmap spiega il perché.

Redazione Il Posticipo

26 dicembre 2018. La tipica giornata di Premier League del Boxing Day. Il Chelsea vinceva in trasferta contro il Watford con una vittoria di misura e entrambi i gol dei Blues arrivano dal piede di Eden Hazard. Ecco, da lì il belga… ha smesso di funzionare. Il primo gol di Hazard nel 2019 tarda ad arrivare e con il pessimo periodo di forma degli altri attaccanti il Chelsea di Maurizio Sarri si trova in piena crisi realizzativa. Nel derby contro l’Arsenal, il problema è stato particolarmente evidente e il quotidiano The Sun si va a prendere le mappe di calore di Hazard per andare ad analizzare il suo raggio d’azione. Non di certo da attaccante. Un falso nueve ma non un falso… problema.

HAZARD E MERTENS - Peccato che le cose vadano così. D’altronde ci si aspettava molto visti i precedenti. Infatti, con Maurizio Sarri, quello che originariamente era un connazionale e omologo di Hazard, Dries ‘Ciro’ Mertens si era riscoperto bomber. Presumibilmente, Sarri voleva regalare al numero dieci dei Blues di Londra lo stesso percorso e avrebbe senza dubbio apprezzato lo stesso rendimento. Invece, le mappe di calore che mostrano il raggio d’azione del belga spiegano, specialmente quella del derby contro i Gunners, che quest’ultimo tocca palla quasi soltanto fuori dall’area di rigore. Ecco perché non segna da quattro giornate. Anche perchè con l'Arsenal ha tirato in porta appena due volte.

I NUMERI - L’ultimo contributo al risultato di Hazard è l’assist del 12 gennaio contro il Newcastle, mentre la sua miglior prestazione per rendimento risale addirittura al 15 settembre quando, contro il Cardiff, ha ricevuto 97 palloni dai compagni concludendo 74 passaggi, tirando quattro volte in porta e segnando tre reti. Sì, ma era schierato da esterno sinistro: sarà un messaggio tra le righe per Maurizio Sarri? L’eventuale arrivo di Gonzalo Higuain dovrebbe dare risposte alla crisi realizzativa e forse togliere ad Hazard la responsabilità di doversi reinventare in un ruolo che sembra non appartenergli per nulla. Del resto, Mertens era senza dubbio un gran buon giocatore prima, ma appena reinventato attaccante è diventato uno dei migliori della Serie A. Hazard, invece, era già un top player affermato nel suo ruolo e cambiargli posizione, in quel caso, può dimostrarsi degradante. Così come pare aver fatto.