Havertz sfida la maledizione del Chelsea: tutti gli acquisti record di Abramovich…sono stati dei flop pazzeschi

Havertz sfida la maledizione del Chelsea: tutti gli acquisti record di Abramovich…sono stati dei flop pazzeschi

Il prezzo del cartellino non farà il giocatore, ma è un fattore che va considerato quando si giudicano le prestazioni di un calciatore. E non è mai semplice arrivare in un club con l’etichetta di “più pagato di sempre”. Soprattutto al Chelsea, dove essere il giocatore costato di più non è qualcosa che porti fortuna…

di Redazione Il Posticipo

Il prezzo del cartellino non farà il giocatore, ma è un fattore che va considerato quando si giudicano le prestazioni di un calciatore. E non è mai semplice arrivare in un club con l’etichetta di “più pagato di sempre”. A volte le ciambelle riescono col buco, altre no. E persino acquisti che in fin dei conti non sono poi così disastrosi vengono etichettati come flop, per le aspettative poste sulle spalle di un ragazzo da un prezzo a volte esagerato. Al Chelsea, però, le cose si fanno in grande. E come sottolinea Mundo Deportivo, quando si sbagliano gli acquisti, lo si fa per bene. Anzi…da record.

ACQUISTO RECORD – Scongiuri in vista dunque per Kai Havertz, che si aggiunge a Werner, Ziyech, Chilwell, Sarr e compagnia bella nell’elenco dei nuovi arrivi del Chelsea. Per strappare il tedesco al Bayer Leverkusen, Abramovich ha dovuto (di nuovo) aprire il portafogli e ha sborsato oltre 80 milioni di euro. E anche se è di poco, è record, visto che sono stati superati gli 80 milioni tondi tondi che due anni fa i Blues hanno pagato all’Athletic Bilbao per assicurarsi Kepa. Visto com’è andata con lo spagnolo, tra l’ammutinamento nei confronti di Sarri e le papere nella scorsa stagione, forse erano soldi che i londinesi si potevano risparmiare. E dire che in fondo…se lo potevano aspettare.

FLOP – Già, perchè tutti i calciatori che si sono presi la palma di acquisto record nell’era Abramovich hanno avuto questa sorte. A partire da Shevchenko, il primo grande acquisto del nuovo Chelsea nel 2006. 44 milioni al Milan e prestazioni decisamente al di sotto della media per l’ucraino, che poi se ne torna anche a Milano. Va anche peggio a chi gli toglie il primato: Fernando Torres al Liverpool è una sentenza sotto porta, ma quando i Blues spendono 60 milioni per portarlo a Stamford Bridge, El Niño si dimentica anche come si calcia un pallone. Dovesse servire un’altra conferma, citofonare Morata. L’ex Juventus si trasferisce a Londra per 66 milioni di euro, ma dura appena una stagione e mezza. Insomma, Havertz è avvisato. La cabala è contro di lui. Ma da buon tedesco, difficile che ci creda…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy