Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Havertz e il terrore…di diventare il nuovo Werner: “Avessi sbagliato quel gol, sarei finito su tutti i meme”

(Photo by Glyn Kirk/Pool via Getty Images

Kai Havertz, che ha deciso l'ultima Champions League con la sua rete al Manchester City, aveva paura di passare alla storia...dalla parte sbagliata. Il tedesco del Chelsea lo ha ammesso candidamente, spiegando il...terrore di diventare Werner.

Redazione Il Posticipo

Ci sono singole azioni nel corso della carriera di un calciatore che sono in grado di cambiare tutto. Un gol segnato o sbagliato è il confine tra l'estasi e il dramma sportivo, ma c'è da scommettere che entrambe le cose, a loro modo, porteranno all'immortalità. Tutti in Argentina ricordano l'errore di Higuain in campo aperto contro Neuer nella finale mondiale del 2014 tanto quanto il gol di Maradona contro l'Inghilterra nel 1986, per la poca gioia del Pipita, che forse quei secondi vorrebbe cancellarli per sempre dalla sua memoria. Il che spiega perfettamente perchè Kai Havertz, che ha deciso l'ultima Champions League con la sua rete al Manchester City, aveva paura di passare alla storia...dalla parte sbagliata.

"TI PREGO" - Il tedesco del Chelsea lo ha ammesso in alcune dichiarazioni riportate dal Sun. Quando si è ritrovato in campo aperto con davanti solamente Ederson da anticipare, la paura era quella di trasformarsi nel...nuovo Timo Werner. Il connazionale e compagno di squadra, infatti, è diventato celebre per aver sbagliato alcuni gol abbastanza clamorosi. E per quanto possa sembrare assurdo, nell'azione calcisticamente più importante della sua vita, Havertz stava proprio pensando a cosa sarebbe successo se non avesse segnato. "Quel momento è sempre il peggiore, perchè sai che se sbagli quel gol finirai su YouTube, su Instagram e in qualsiasi meme, quindi il mio unico pensiero era 'ti prego, ora devo segnare'. Alla fine è andata così e momenti come quello sono i più belli che si possano vivere nel calcio".

PREMIER LEAGUE - Un attimo che ha cambiato tutto, perchè nei mesi precedenti Havertz aveva avuto problemi a gestire la tensione data dal suo cartellino da 80 milioni di euro e a prendere le misure a un campionato nuovo e competitivo... "Ti cominci ad abituare al calcio inglese quando giochi qualche partita e quando sei in Premier da qualche mese. È un tipo di calcio diverso, ma basta abituarcisi e per me è andata così. Dopo sei mesi tutto è stato più semplice e ora mi trovo benissimo, mi sento bene in campo e gioco in maniera più rilassata". Tranne quando c'è da segnare un gol che può valere una Champions League. A quel punto, il...fantasma di Werner fa comunque parecchia paura...