calcio

Fra harakiri e rimonte, gli epiloghi più incredibili in Serie A

Redazione Il Posticipo

Il Milan nel 2011 gioca in una trasferta non comoda a Lecce. Giacomazzi porta in vantaggio i salentini. Raddoppia Oddo su rigore, e persino Grossmuller trova la sua giornata di gloria. Rossoneri sotto per 0-3. Entra Boateng e cambia la partita: segna l’1-3 e poi accorcia ulteriormente le distanze con due gol spettacolari. Finita? Anche no: il “Boa” segna la sua tripletta personale in 18’. Poi Cassano mette in mezzo un pallone con scritto “spingimi” a Yepes. Rimonta completata.