Inter, contro il Cagliari doppietta di Icardi…e di Handanovic

Inter, contro il Cagliari doppietta di Icardi…e di Handanovic

Icardi crea e si prende le prime pagine. Ma Handanovic conserva ed è decisivo quanto il centravanti. La doppietta del puntero arriva infatti dopo il doppio miracolo del portiere.

di Redazione Il Posticipo

L’Inter vince a Cagliari, ma non è solo una vittoria figlia di Icardi. Il puntero argentino mette la firma sulla vittoria, ma chi contribuisce a mettere in cassaforte il tesoro raccolto sull’Isola è Samir Handanovic.

Handanovic ci mette ancora una volta del suo

Handanovic ci mette ancora una volta del suo: prima su Pavoletti e poi su Joao Pedro. Tutto nei primi 20′ di gioco quando i rossoblù, particolarmente arrembanti, si sono resi pericolosi. La ciurma nerazzurra ha retto all’assalto, aggrappandosi al suo portiere. Il solito muro. L’intervento su Joao Pedro ha del miracoloso. E non è la prima volta che Handanovic contribuisce in maniera decisiva alle vittorie dell’Inter. Anche a Crotone la sua prestazione è decisiva nell’economia della gara.

Grande concentrazione

La sensazione è che Handanovic sia molto più presente a sè stesso. Ovviamente, si sente più protetto. Lo scorso anno ha vissuto domeniche da orsetto del Luna Park, più che da portiere dell’Inter. Ed è altrettanto innegabile che anche lui scenda in campo con uno spirito diverso. Guida la squadra, i compagni, detta i movimenti. Tutta molto diverso rispetto a pochi mesi fa quando anche Handanovic, per certi versi, si è unito all’abulia generale.

Decisivo quanto Icardi

Handanovic non si prende le prime pagine solo perchè c’è quel fenomeno di Icardi che, quando va in gol, lo fa solo con doppiette e triplette. In realtà il portiere nerazzurro merita un encomio pari a quello del bomber. I gol, questa Inter li fa grazie a Icardi, ma li evita grazie al contributo del portiere sloveno, che compie pochi interventi ma tutti decisivi. Lo scorso anno si era quasi demoralizzato, abbandonato a se stesso. Adesso con una difesa particolarmente organizzata riesce a fungere da discriminante. Un valore aggiunto enorme per un’Inter che rimane fra le migliori difese del campionato. E gli Scudetti, in Italia, si vincono senza subire gol.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy