Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Håland macina record ma…può fare meglio: “Non sono ancora al 100%…”

Una rete dopo l'altra, ma sembra non bastargli mai. Erling Braut Håland ha cominciato nella Bundesliga esattamente come aveva finito nel campionato austriaco: con valanghe di gol. Ma il norvegese del Borussia Dortmund non si pone limiti e spiega...

Redazione Il Posticipo

Una rete dopo l'altra, ma sembra non bastargli mai. Erling Braut Håland ha cominciato nella Bundesliga esattamente come aveva finito nel campionato austriaco: con valanghe di gol. Per l'attaccante, appena arrivato al Borussia Dortmund dal Salisburgo, arriva un'altra doppietta. I due gol contro l'Union Berlino vanno ad aggiungersi alla tripletta all'esordio contro l'Augsburg e alla doppietta al Colonia, portando così il totale in campionato a sette in tre partite. Numeri che qualche collega non ha raggiunto neanche con...un girone di vantaggio rispetto al diciannovenne. Che tra l'altro, in un'intervista post-partita, spiega che da se stesso si aspetta parecchio di più...

FORMA FISICA - Intervistato da Sky Sport dopo la sua prima presenza da titolare, l'attaccante del Borussia si è detto soddisfatto, ma ha anche aggiunto che può fare decisamente meglio. "È stata una partita difficile per noi oggi, ma è stato bello giocare dall'inizio". In effetti finora il tecnico Favre lo ha centellinato, anche perchè il norvegese è reduce da un infortunio al ginocchio che ha segnato le sue ultime settimane con la maglia del Salisburgo. E proprio per questo, Håland vede ancora dei margini di miglioramento. "Devo entrare ancora di più in forma, non sono ancora al 100%". Considerando l'impatto sulla Bundesliga, chissà cosa potrebbe combinare al massimo...

NUMERI - Ma del resto Håland è abituato a segnare ancora di più. Il suo record di nove reti in una partita al mondiale under-20 è ancora negli occhi di molti, così come le prestazioni stagionali. Per lui al momento 35 reti in 25 match, neanche tutti completi. Per una...discreta media di un gol ogni 46 minuti. Otto sono arrivati in Champions, quattro in coppa d'Austria, gli altri tutti nei due campionati frequentati. E chissà che il ragazzino non faccia venire il mal di testa a chi fa i conti per la Scarpa d'Oro. Ora le sue marcature vanno scorporate, considerando che 16 vanno moltiplicate per 1,5 (coefficiente del campionato austriaco), mentre i restanti sette, più quelli che veranno, vanno moltiplicati per 2. Immobile, capolista della speciale graduatoria, è avvisato...