Hakimi forza quattro: la stellina del Dortmund ha segnato più di Messi e Ronaldo messi insieme…

Quattro rete in quattro partite: Achraf Hakimi non poteva immaginarsi un inizio di stagione migliore in Europa. È lui il protagonista del Borussia Dortmund che ha ribaltato l’Inter e sogna gli ottavi.

di Redazione Il Posticipo

Un mesetto fa Hans-Joachim Watzke, CEO del Borussia Dortmund, era stato molto chiaro a proposito di Achraf Hakimi: “Non lo rivedo al Real Madrid e non ho notizie su un suo possibile ritorno. La mia impressione è che si senta a casa a Dortmund, faremo tutto il possibile per trattenerlo con noi”.

RISCATTO – La sensazione però è che non sarà  molto semplice trattenerlo in Germania dove sta recitando da protagonista assoluto.  Hakimi ha segnato una doppietta contro l’Inter migliorando il suo score europeo che era fermo a due reti. E dopo le prodezze contro i nerazzurri,  ben cinque ‘mostri sacri’ devono guardarlo dal basso verso l’alto.

FORZA QUATTRO – Doppietta allo Slavia Praga e doppietta all’Inter. Quando Hakimi si impegna fa le cose in grande. Le quattro reti messe a segno dall’ex calciatore del Real Madrid ed equamente distribuite in due partite sono state decisive per il cammino verso gli ottavi di finale dei gialloneri al secondo posto nel girone in cui c’è anche il Barça. Il marocchino è cresciuto tanto agli ordini di Lucien Favre e per adesso si gode il momento: il suo contratto coi tedeschi scade il 30 giugno 2020, il prestito finirà e il giocatore dovrà tornare al Real.

BOMBER– I numeri intanto lo incoronano. Hakimi ha segnato quanto i fenomeni del calcio europeo. Affianca, per ora, gente del calibro di  Sterling e Kane. E si è messo alle spalle Cristiano Ronaldo (il portoghese è ancora fermo al gol col Bayer Leverkusen) e Lionel Messi (andato a segno solo all’andata con lo Slavia Praga). Il marocchino guarda dall’alto verso il basso anche Bale, Benzema e  Griezmann (Barcellona). Nessuna di queste stelle del calcio mondiale è andata a segno in questa edizione della Champions. Hakimi invece va di corsa: resta da capire se i cinque ritardatari di lusso riusciranno a tenere il passo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy