Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Haaland incontentabile: “Potevamo fare di più nel secondo tempo, finale un po’ sciatto”

Haaland incontentabile: “Potevamo fare di più nel secondo tempo, finale un po’ sciatto” - immagine 1
L'impatto con la Premier non è stato complicato. Anzi, se possibile Haaland è diventato ancor più devastante. Al ragazzo però non basta...

Redazione Il Posticipo

Haaland incontentabile. L'attaccante norvegese segna 3 dei 6 gol che il City rifila allo United. È già a 17 gol stagionali ed è diventato il primo giocatore nella storia della Premier League a segnare una tripletta in tre partite casalinghe consecutive nella competizione. Calciatori del calibro di Owen e Van Nisterlooy, non esattamente due che avevano una scarsa confidenza con il gol, hanno avuto bisogno rispettivamente di 48 e 59 partite per realizzare tre triplette in Inghilterra ma i numeri evidentemente non interessano al calciatore che non ha gradito il finale di partita. Le sue parole sono riprese dalla BBC.

MIGLIORARE

Haaland, al netto del derby vinto e dei numeri impressionati che lo accompagnano in Premier League ritiene che la squadra debba migliorare. "Chiaramente è stata una giornata speciale per me e Foden, che torniamo a casa con un pallone a testa. Di certo è bello segnare tre gol nell'esordio nel derby di Manchester, mi ero preparato bene, avevo delle buone sensazioni prima della partita che provenivano dal lavoro svolto durante la settimana. Sin da venerdì ero convinto che avrei potuto giocare una buona partita. C'è però qualcosa che non fa. Per numero di gol fatti abbiamo perso nel secondo tempo quindi non sono totalmente soddisfatto. Potevamo e dovevamo fare di più, chiuderci meglio. Il finale è stato un po' sciatto e non va bene".

Haaland incontentabile: “Potevamo fare di più nel secondo tempo, finale un po’ sciatto” - immagine 1

SVOLTA

Gli scettici sono stati messi a tacere da tempo. L'impatto con la Premier non è stato complicato. Anzi, se possibile Haaland è diventato ancor più devastante. Il gioco di Guardiola lo esalta ma il norvegese ha anche individuato il preciso punto di svolta. "Ho sempre avuto fiducia nei miei mezzi. Certo raggiungere queste cifre dopo l'esordio contro il Liverpool in Community Shield è molto bello. In quella occasione ho sentito che avrei dovuto farmi trovare ancora più preparato e pronto all'appello. Voglio giocare sempre così, specialmente in queste partite, in cui in palio c'è sempre qualcosa in più".