Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Haaland al City e non al Real per motivi economici, fisici e… di spogliatoio

Haaland al City e non al Real per motivi economici, fisici e… di spogliatoio - immagine 1

Haaland al City è un colpo destinato a ridisegnare gli equilibri di mercato. Eppure in Spagna sono certi che l’Inghilterra sia stata una scelta di ripiego. Il calciatore norvegese era stato nel mirino del Real Madrid che però ha deciso...

Redazione Il Posticipo

Haaland al City è un colpo destinato a ridisegnare gli equilibri di mercato. Eppure in Spagna sono certi che l'Inghilterra sia stata una scelta di ripiego. Il calciatore norvegese era stato nel mirino del Real Madrid che però ha deciso scientificamente di non affondare il colpo per una serie di ragioni. Tecniche, economiche e di spogliatoio.  Secondo quanto riportato da Marca, Il nome di Erling Haaland è stato per lungo tempo sulla scrivania della Casa Blanca ma anche di un lungo dibattimento sull'opportunità dell'investimento. Dal giorno in cui i blancos hanno aperto le porte del Valdebebas al padre del giocatore e al compianto Mino Raiola il Real Madrid è sempre stato consapevole di ciò che accadeva intorno all'attaccante. E hanno lasciato fare.

SPOGLIATOIO - Lasciare andare Haaland è una scelta dettata dal rispetto degli equilibri nello spogliatoio. Al Real Madrid ritengono che  Benzema abbia ancora almeno due stagioni ad altissimo livello. Dunque è più che sufficiente l'arrivo di Mbappé per avere un duo d'attacco tutto francese e, in generale, una batteria di attaccanti di altissimo livello considerando la crescita di Vinicius e Rodrygo e l'eventuale inserimento di Borja Mayoral come quinta punta. Ancelotti, fra l'altro, ha più volte sottolineato l'importanza dell'armonia nello spogliatoio come base per il successo. Gestire Mbappé, Benzema e Haaland rischia di essere gravoso anche per un gestore di uomini del calibro del tecnico di Reggiolo.

ECONOMICO - Impossibile, poi, trascurare il  fattore economico: Haaland ha optato per l'offerta del Manchester City, che ha ampiamente superato il limite fissato da Valdebebas per l'ingaggio di un grande giocatore.  Tra cessione, stipendio e provvigioni, l'operazione si aggirerà sui 350 milioni, cifra considerata eccessiva dalla dirigenza del Real Madrid. Anche perché negli ultimi mesi Haaland ha avuto una certa confidenza con gli infortuni. Ha sempre recuperato alla grande, ma è altrettanto innegabile che  i ripetuti problemi muscolari patiti in questa stagione hanno dato l'allarme. Anche se è vero che il libro paga dei bianchi sarà alleggerito dalla partenza di giocatori come Bale, Hazard, Marcelo e Isco, il taglio non sembra sufficiente per far fronte ai conti del club senza mettere in pericolo l'investimento.