Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gullit punge Van Gaal: “Pensa sempre che siano il suo modulo e le sue tattiche ad avere successo, ma…”

Gullit punge Van Gaal: “Pensa sempre che siano il suo modulo e le sue tattiche ad avere successo, ma…” - immagine 1
La Coppa del Mondo in Qatar vede in panchina un ritorno decisamente inatteso, quello di Louis Van Gaal. Ma il CT dell'Olanda deve fare i conti con qualche critica alla sua gestione. Come quelle di un certo Ruud Gullit...

Redazione Il Posticipo

La Coppa del Mondo in Qatar vede in panchina un ritorno decisamente inatteso. Qualche anno fa, Louis Van Gaal si era ritirato, lasciando il calcio dopo parecchi successi e altrettante...polemiche. Ma quando la nazionale olandese ha chiamato, il tecnico ha deciso di rimettersi in gioco per affrontare quello che è il terzo periodo alla guida degli Oranje e il secondo Mondiale della sua carriera. Nel 2014 i Paesi Bassi sono arrivati terzi, ma proprio quell'edizione dei mondiali ha creato qualche problema a Van Gaal. Questa, almeno, è la teoria di Ruud Gullit. Parlando al Mirror, l'ex milanista ha spiegato come la troppa fiducia nelle proprie idee abbia causato grattacapi al CT una volta lasciata la nazionale...

Van Gaal e il 3-5-2

—  

"Van Gaal pensa sempre che siano il suo modulo e le sue tattiche che fanno una squadra di successo. Ma al Manchester United col suo modulo ha fallito. Quando ha allenato la nazionale olandese in Brasile, adorava il suo 3-5-2. E pensava di poterlo imporre anche al Manchester United. Ma lì ha trovato un gruppo di calciatori totalmente diverso e non sono i moduli che ti fanno vincere le partite, ma la squadra. E i giocatori migliori ti fanno vincere. Quindi allo United è dovuto tornare a disegnare un altro schema sulla lavagna". E quell'esperienza allo United non è andata benissimo, con una FA Cup e il solito vespaio di polemiche con stampa, calciatori e società.

L'ultima occasione

—  

E per quella che è la sua ultima occasione importante, Gullit ritiene che Van Gaal debba dare fondo a tutte le sue capacità. "Se vuole lasciare al top deve fare le cose per bene. E anche se Van Gaal pensa di essere un grande allenatore, nel 2010 Bert van Marwijk ci ha portati in finale e ha perso soltanto ai supplementari. Quindi il miglior allenatore è Van Marwijk, non Van Gaal, che non è mai arrivato in finale ai mondiali. E quello che non mi piace è che Van Gaal cerca ancora di dire che la sua gestione è un successo, anche la squadra sta facendo cose normali. Abbiamo una colonna centrale solida, con Virgil van Dijk, Frenkie de Jong e Memphis Depay, ma il problema è che alcuni di questi giocatori non hanno giocato molto in questa stagione. E devi essere al massimo della forma per giocare ogni tre giorni, senza contare che nella fase a eliminazione diretta puoi anche dover giocare 120 minuti". E se il 3-5-2 non va...meglio cambiare le carte in tavola!